News Deezer logo |© Pagina Facebook

Pubblicato il dicembre 19th, 2011 | da Vittoria Borgese

0

Deezer: arriva in Italia la musica in streaming

Deezer arriva in Italia: a partire da oggi infatti dovrebbe essere attivo anche nel nostro paese  il servizio di musica on demand offerto dal portale nato in Francia nel 2007  e che approda da noi dopo le vicende legali che avevano portato alla sospensione del servizio. Adesso invece grazie ad un accordo siglato con molte case discografiche e con varie società che regolano nei diversi stati la protezione del diritto d’autore, sarà possibile attraverso la piattaforma accedere ad un corposo catalogo di pezzi da ascoltare  in streaming.

Si tratta di 13 milioni di brani di molti  generi musicali, in grado di accontntare tutti i gusti e  ai quali si può accedere creando un proprio account: l’ambizioso obiettivo di Deezer è quello di imporsi nella galassia della musica digitale offrendo ai propri utenti la possibilità di ascoltare la propria musica preferita e averla sempre con se su pc ma anche tablet e smartphone senza necessità di scaricare alcun software.

Deezer logo |© Pagina Facebook

Sono 20 milioni, di cui 1,4 abbonati, gli utenti attualmente registrati che usufruiscono delle diverse tipologie di servizio offerte: gratuitamente si possono ascoltare 30 secondi dei brani presenti in archivio e  attraverso gli abbonamenti Premium e Premium+ Deezer offre la possibilità dietro un pagamento  mensile che oscilla  dalle 4.99 alle 9,99 sterline (prezzi riferiti al servizio nel Regno Unito)  di ascoltare tutta la musica in catalogo rispettivamente dal pc e da tablet e smartphone.

Axel Dauchez, CEO di Deezer intervistato da Wired ha parlato con entusiamo del progetto attraverso la diffusione del quale si vuole fare concorrenza a grandi colossi quli iTunes anche se tra i servizi già esistenti e quello offerto da Deezer c’è una profonda differenza che Dauchez spiega così:

Per noi i veri competitor sono iTunes e la pirateria… Con il servizio che forniamo noi, il valore della musica non risiede più nel file musicale, ma nell’avere accesso a essoStiamo rivalutando il mercato della musica digitale convincendo la gente a pagare per ascoltare musica

Deezer in Italia

Il mercato italiano è dunque un importante conquista per il servizio che vuole far leva da un alto sui prezzi alti dei cd e dall’altro sui costi bassi degli abbonamenti in modo da attirare tutti quelli che fino ad oggi non hanno pagato per ricevere servizi simili. “Per noi le condizioni del mercato italiano sono le migliori visto che i prezzi dei cd sono molto alti e la pirateria è molto diffusa. Quindi c’é ampio spazio per un servizio legale a basso costo come il nostro, che punta inoltre a valorizzare molto gli artisti locali e in Italia ce ne sono tantissimi di ottima qualità” – ha riferito Dauchez all’Ansa.

Non resta dunque che aspettare la risposta del mercato italiano.

Tags: ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi