Barack e Michelle Obama stanno finendo gli ultimi preparativi per il loro ultimo party alla Casa Bianca e sono previsti molti ospiti d’onore come Beyonce, Jay Z, Bruce Springsteen, Paul McCartney, Chance The Rapper e tanti altri.

Dopo aver tenuto l’annuale barbecue del 4 luglio alla Casa Bianca ospitando Kendrick Lamar e Janelle Monae e dopo aver presidiato ad un festival con artisti come The Lumineers, Sharon Jones, Leonardo DiCaprio ed altri è tempo per preparare l’ultimo evento prima che scada il suo mandato come Presidente degli Stati Uniti d’America.

Secondo quanto riportato dal Washington Post, la famiglia Obama è pronta ad ospitare quello che loro stessi hanno descritto come una festa per pochi amici intimi che si terrà venerdì 6 gennaio: oltre alle presenze di Beyoncé, Jay Z, Stevie Wonder, Bradley Cooper, JJ Abrams, Chance the Rapper, Bruce Springsteen, Paul McCartney, Eddie Vedder, David Letterman e George Lucas si rumoreggia che anche Usher and Samuel L Jackson saranno della partita.

La notizia arriva in un momento in cui il futuro presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta decisamente faticando per trovare degli artisti che si esibiscano durante la cerimonia di inaugurazione del suo mandato il 20 gennaio: dopo tanti rifiuti (non ultimo quello del cantante dei KISS Gene Simmons che ha negato di essere stato invitato alla manifestazione) l’unica certezza per Trump è il finalista dell’edizione del 2010 di America’s Got Talent finalist Jackie Evancho che canterà l’inno nazionale, il Mormon Tabernacle Choir e le Radio City Rockettes, anche se tre ballerine della troupe hanno deciso di non partecipare. Dopo i rifiuti di Andrea Bocelli, Elton John e Celine Dion e dopo che Rebecca Ferguson che sarebbe venuta solo se avesse potuto cantare “Strange Fruit” di Billie Holiday, canzone apertamente contro la supremazia bianca, se le cose dovessero mettersi particolarmente male, potrebbe far cantare la figlia Tiffany.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.