Come prevedibile la vicenda di Morgan sta diventano un caso che esula dal mondo dei soliti pettegolezzi sui VIP e investe anche il mondo dello spettacolo e della politica. Chiunque passi per una televisione, radio o giornale in questi giorni ritiene, più o meno spontaneamente, di dover intervenire sulla questione: ecco così che si accavallano le dichiarazioni di solidarietà del segretario del PD Bersani alle critiche di Lucio Dalla, le condanne della Meloni e Gasparri alle mancate prese di posizione di Gianluca Grignani, insieme alle imprescindibili opinioni di Pupo e Mara Maionchi, Giovanardi ed Evangelisti, tutti divisi in colpevolisti e innocentisti.
Le parole più accorate, e finalmente sincere, vengono però da un collega che Morgan lo conosce molto bene: Ivano Fossati. Ecco cosa si legge in un suo comunicato appena diffuso:

Conosco Morgan da abbastanza tempo per poter dire che non si tratta soltanto di un musicista bravo quanto altri possono esserlo, ma di un artista raro e prezioso, inciampato certamente in alcune dichiarazioni inopportune e infelici. Se chi ne parla e lo giudica avesse una più precisa idea della sua portata musicale e artistica, lo guarderebbe con altri occhi e comprenderebbe forse meglio i suoi sbandamenti e il suo essere indifeso. Ho visto Morgan con i miei occhi suonare e poi spiegare frammenti della musica di Rachmaninov a migliaia di ragazzi a bocca aperta durante un suo concerto estivo e mi domando se questo può essere un cattivo maestro. Forse la sua riammissione al Festival di Sanremo porterebbe migliori risultati che non il suo allontanamento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.