Dopo due anni di successi che lo hanno visto protagonista al Festival di Sanremo prima tra le Nuove Proposte nel 2016 con “Amen” e poi nel 2017 vincitore con “Occidentali’s Karma“, tra Eurovision e un tour lungo 45 date che ha coperto tutta l’Italia, è arrivato il momento del meritato riposo per Francesco Gabbani. Ma a modo suo.

Per non risolarsi troppo Gabbani si concede un minitour, “Gabbalive18“, composto solo da sei date (6 luglio Codroipo (UD), 8 luglio Vigevano (PV), 26 luglio Villafranca (VR), 2 agosto Taormina, 11 agosto Marina di Castagneto Carducci (LI), 26 agosto Macerata): “Solo sei date in luoghi molto suggestivi, come il Teatro Antico di Taormina o lo Sferisterio di Macerata. L’ho deciso un po’ perché c’era richiesta di live da parte del pubblico, un po’ perché mi fa soffrire stare troppo a lungo lontano dalla dimensione live. E per il Gabbalive18 ho voluto come sottotitolo ‘Magellano è ancora in viaggio. Perché Magellano, oltre a essere il titolo dell’ultimo album, è la figura di un personaggio che va verso l’ignoto. E mi sta a cuore”.

Intanto il cantautore toscano è al lavoro per il nuovo disco, raccogliendo spunti qui e là: “Sto andando a ripescare nell’old style, nel funky, nel rhythm and blues, nel reggae, che molti non sanno ma sono i generi che mi hanno avvicinato alla musica. Mi piace pensare di poter riusare queste componenti. Però lavoro senza ansia, senza tempistiche già fissate: stavolta voglio prendermi il tempo che mi serve, quello giusto per realizzare qualcosa che mi rappresenti. Mi sono ripromesso di vivere la musica con naturalezza. Ad esempio, potevo mettermi a tavolino a scrivere un pezzo estivo che potesse candidarsi a tormentone: non l’ho fatto. Non ho l’ansia da classifica, ma certo non aspetterò 5 anni per tornare”. E Sanremo? “E’ come un luogo al quale ti legano solo ricordi belli. Penso che prima o poi tornerò. L’anno scorso in via informale mi cercarono, ma sarebbe stata la terza presenza di fila e non mi sentivo pronto. Il prossimo febbraio? Be’, potrei andare a vedere il concerto di Baglioni all’Ariston…”

Intanto si susseguono voci che lo vorrebbero addirittura in televisione:“Televisione? Ho detto no. Quello che so fare in maniera dignitosa è la musica. Proposte strane? Mi hanno offerto anche una fiction. Ma la cosa che mi sorprende sempre è la quantità di richieste che ricevo per essere regalo di compleanno. Non so, forse vorrebbero che uscissi dalla torta”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.