Dopo un periodo di assenza durato 10 anni, torna sulla scena discografica, con il singolo “Cellule impazzite“, Il Nucleo, gruppo emiliano nato nel 1998 a Reggio Emilia e riunitosi circa un anno fa.

La band pop rock italiana, che ha ricomposto la sua formazione originale (Andrea Zanichelli alla voce e chitarra, Luca Canei alla batteria, Mauro Buratti al basso/synth e Marcello Presi alla chitarra) aveva già fatto intravedere sui propri canali social alcuni momenti di lavorazione del nuovo progetto che prende il nome di “Oltre“, la cui uscita è prevista nella prossima primavera, e che viene anticipata dal singolo, di cui trovate il video in calce all’articolo, che al momento è in rotazione in radio e sui maggiori store digitali dal 13 gennaio.

È la stessa band a raccontare cosa ha portato alla reunion: “Dopo l’ultimo concerto nel 2010, non abbiamo smesso di frequentarci, suonavamo spesso sugli stessi palchi in progetti diversi … a volte ci davamo una mano in studio per registrare delle parti. Andrea continuava a scrivere … creava e distruggeva canzoni ogni santo giorno. Poi ad un certo punto è ripartito qualcosa. Non abbiamo avuto nemmeno il tempo di trovarci a parlarne che eravamo di nuovo in sala prove, insieme. Era il momento giusto e avevamo una base di idee sulle quali lavorare. Non abbiamo suonato una sola nota dei vecchi pezzi per mesi e mesi, da subito l’attenzione è stata data al nuovo materiale, è la cosa che ci ha sempre stimolati di più da quando avevamo meno di vent’anni. Se siamo insieme in una sala prove, è perché abbiamo qualcosa da dire”.

Il nuovo disco, la cui produzione artistica è stata affidata al leader della band Andrea Zanichelli, mantiene le caratteristiche che avevano reso il Nucleo una delle band più apprezzate della scena musicale italiana dei primi anni Duemilia, grazie a brani come “Sospeso”, “Meccanismi”, “Cambiano le cose”, “Oggi sono un demone”, “Come un sole che sorge” e “Vorrei un motivo”, quella commistione tra elettronica e rock con una punta di elettropop senza mai dimenticare la matrice cantautorale e con una cura maniacale dei suoni e dei testi. È lo stesso gruppo a spiegare la scelta del titolo del nuovo singolo: “Il titolo del brano è lo specchio della vita di tutti noi… siamo cellule impazzite, e fermarsi per godere degli attimi che contano davvero è molto complesso. Ci perdiamo lo spettacolo, siamo in confusione. Questo è un tema che cavalchiamo da sempre e da qui vogliamo ripartire, dopo che le nostre orbite non si sono incrociate per un po’”.

Il videoclip di “Cellule Impazzite”, online tra pochi giorni, sarà opera della casa di produzione video Emilia Produzioni, fondata dallo stesso Andrea, che negli ultimi anni ha lavorato al fianco di molti artisti sia per la parte musicale che visual. Per ora bisogna accontentarsi dell’audio: buon ascolto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.