Protagonista di “The Social Network” in cui interpreta Sean Parker , co-fondatore di Napster, Justin Timberlake non poteva non esprimere il suo parere sui download illegali dichiarando per NME:

Se non fossi diventato famoso, sarei stato uno studente universitario e avrei, quindi, sicuramente approfittato dei download illegali. Mi identifico molto da vicino con chi lo difende, visto che le case discografiche stanno perseguendo proprio dei giovani studenti universitari“.

Secondo il cantante-attore la  responsabilità degli effetti negativi sulle case discografiche è da imputare proprio all’industria discografica rea di non aver dato peso ai cambiamenti che in questo campo stavano appena venendo fuori.

Rispondi