Rosalino Cellamare, in arte Ron, a sette anni dall’improvvisa scomparsa di Lucio Dalla, ha deciso di ricordare per l’ennesima volta l’amico e collega e dopo l’album “Lucio!” del 2018 e la canzone “Almeno pensami” presentata al Festival di Sanremo (e il tour che ne è seguito) ora arriva il disco live “Lucio!!“, registrato al Teatro Romano di Verona nel giugno scorso prima di essere trasmesso in agosto da Canale 5.

Nel disco saranno presenti otto dei tanti duetti-tributo ascoltati durante la serata veronese: “Vita” con Massimo Ranieri, “Cara” con Fiorella Mannoia, “Almeno pensami” con Alice, “Tu non mi basti mai” con Serena Autieri, “Quale allegria” con Luca Carboni, “Cosa sarà” con Paola Turci, “Canzone” con Gigi D’Alessio e “Chissà se lo sai” con Ornella Vanoni. A questi brani se ne aggiungono tre in studio, “Felicità” con Federico Zampaglione e “Anna e Marco” e “Tutta la vita” interpretati dallo stesso Ron.

Queste le parole di Ron alla presentazione del disco, intervistato da Luca Trambusti di Musicadalpalco: “Era un peccato perdere queste perle, anche questo mi ha fatto decidere di incidere l’album live. L’eredità più importante di Lucio Dalla? Le sue canzoni senza dubbio, ma anche il suo stile di vita, il suo modo di essere artista e uomo. All’inizio ho sentito il bisogno di uscire dalle scene: la morte di un grande amico lascia il segno. Rimanere in silenzio per un po’ è stato come meditare un inizio diverso. Su Lucio Dalla si è detto tutto, ma esiste sempre il pericolo per questi cantautori montagna di essere dimenticati. Con il disco e i live mi sono reso conto di quanto fosse ancora amato e di quanta nostalgia evochi il suo ricordo: per questo ho voluto omaggiarlo ancora una volta. Non sono il testimone e portavoce della grandezza di Lucio. Non è quella l’intenzione, tutto è arrivato in modo naturale. Come se a guidarmi sia stato lo stesso Lucio. Manca come persona. Manca il suo modo di essere così controcorrente, così folle. Era un artista unico”.

Ron, che festeggia i 50 anni di carriera, ha deciso di accoppiare a giugno il disco con un nuovo tour “Lucio!! Il Tour“: “Una trentina di date per trasmettere e raccontare Lucio“. E poi? “Un nuovo progetto discografico. Paura della cifra tonda? Solo un po’“. E se dovesse fare un paragone tra qualche artista moderno e Lucio? “Mirkoeilcane. Appena l’ho sentito lo scorso anno ho drizzato le orecchie, anche per le cose che cantava. Mi sembra che stia percorrendo la stessa strada di Lucio”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.