Mick Jagger e Dave Grohl hanno deciso di “unire le forze” per dare vita a un nuovo brano, arrivato a sorpresa poche ore fa. Il frontman dei Rolling Stones ha annunciato di aver scritto “Eazy Sleazy” pensando alla fine del lockdown ed infatti la canzone descrive esattamente il modo in cui abbiamo trascorso l’ultimo anno. Eventi di gala in diretta streaming “e non so più cosa mettermi”, le videochiamate su Zoom, i complottisti dei vaccini (“adesso Bill Gates è nel mio flusso sanguigno”), i terrapiattisti, gli applausi finti, i balletti su TikTok, la casa che diventa prigione e tutte le attività che ci siamo inventati sperando che il lockdown durasse il meno possibile. Insomma: Mick Jagger uno di noi, annoiato e stanco. Come molti altri suoi colleghi, però, ha colto l’opportunità per riflettere su questo momento storico e sfruttarlo per nutrire la propria creatività. Lo aveva già fatto ad aprile 2020, quando i Rolling Stones hanno rilasciato “Living in a Ghost Town”. Si tratta del primo singolo pubblicato dal gruppo dal 2012 e, nonostante fosse stato scritto prima della pandemia, si adattava perfettamente al momento che stavamo vivendo.

Mick Jagger ha coinvolto Dave Grohl in questo progetto e il risultato è una canzone rock’n’roll in cui il frontman dei Foo Fighters ha suonato batteria, chitarra e basso. “È stato molto divertente lavorare con lui” ha scritto Jagger. Grohl, dal canto suo, replica: “È difficile esprimere a parole cosa significhi per me registrare questa canzone con Sir Mick. È più di un sogno che diventa realtà. Proprio quando pensavo che la vita non potesse riservarmi altre pazzie …ed inoltre è la canzone dell’estate, senza dubbio!”. I due artisti portano avanti i loro progetti e non si sono fatti intimorire da tutti gli intoppi della pandemia. Jagger si prepara a pubblicare un nuovo LP dei Rolling Stones, mentre Dave Grohl pubblicherà la sua prima autobiografia, “The Storyteller”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.