Si è spento il 10 gennaio a Londra Edward Clarke, meglio conosciuto come “Fast” Eddie Clarke, chitarrista inglese che ha militato in band hard & heavy come Motörhead e Fastway. Il chitarrista inglese, l’ultimo superstite della leggendaria formazione originale dei Motorhead, è scomparso all’età di 67 anni in un ospedale londinese dove era stato ricoverato per polmonite.

Clarke ha inciso coi Motorhead sei album negli anni d’oro del gruppo, che lasciò nel 1982. Uno dopo l’altro i musicisti che avevano fondato il gruppo sono morti. Nel dicembre 2015 era stata la volta del frontman Lemmy Kilmister, scomparso per un cancro a 70 anni.

La notizia è stata pubblicata in un post comparso oggi sulla pagina Facebook ufficiale dei Motörhead: “Siamo devastati nel comunicarvi la notizia che abbiamo appreso stanotte: Edward Allan Clarke, che tutti conoscevamo e amavamo con il nome di ‘Fast’ Eddie Clarke, è morto serenamente nella giornata di ieri. Ted Carroll ha dato la triste notizia sulla sua pagina Facebook, avendolo saputo da Doug Smith, ovvero che Eddie si è spento serenamente in ospedale dove era in cura per una polmonite.”

Nel post sono poi riportate le prime reazioni. La prima è stata quella di Phil Campbell: “Ho appena saputo la triste notizia che Eddie Clarke è passato a miglior vita. È stato uno shock, verrà sempre ricordato per i suoi iconici riff e perchè era un vero rock and roller. RIP Eddie”.

La seconda è stata di Mikkey Dee, chitarrista degli Scorpions: “Mio Dio, questa è davvero una brutta notizia, l’ultimo dei Tre Amigos. Ho visto Eddie non molto tempo fa e mi era sembrato in gran forma, quindi per me è davvero uno shock. Io ed Eddie ci siamo sempre divertiti e e speravo di andarlo a trovare in Gran Bretagna questa estate quando avremmo suonato con gli Scorpions… Ora Lemmy e Philthy possono ritrovarsi di nuovo con Eddie, e se ascoltate attentamente sono sicuro che potrete sentirli! Le mie condoglianze alla famiglia di Eddie e ai suoi cari.” 

“Siamo sconvolti nell’annunciare questa notizia”, così si conclude il comunicato pubblicato sul profilo Facebook della band fondata a Londra nel 1975, che sottolinea come “‘Fast’ Eddie continuerà comunque a “ruggire e a fare rock’n’roll”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.