Esce oggi, 4 marzo, il nuovo attesissimo lavoro di Pharrell Williams, “G I R L”. Già vincitore di sette Grammy Awards, proclamato “Producer of the decade” da Billboard nel 2010, 100 milioni di copie vendute: nulla può fermare l’artista più innovativo degli ultimi anni, che può vantare produzioni e collaborati con artisti quali Jay-Z, Gwen Stefani, Snoop Dogg, Britney Spears, Justin Timberlake, Robin Thicke, i Daft Punk (è la voce del tormentone “Get Lucky”) e perfino Madonna e i Rolling Stones. Williams è attualmente due volte al primo posto su iTunes, per l’album e per il singolo – in testa alla hit parade in quattordici paesi– “Happy”, parte della colonna sonora del film Disney “Cattivissimo me 2″, candidato all’Oscar per “miglior canzone originale”, di cui è autore, interprete e pure regista nel video più lungo della storia (24 ore in cui si alternano a cantarlo centinaia di persone oltre a lui, bambini e anziani, belli e buffi, sconosciuti e famosi, tra cui Steve Martin, Magic Johnson, Jamie Foxx).

Pharrell Williams  Comunicato Stampa
Pharrell Williams

Un album, “G I R L” , che è un omaggio a tutte le donne del mondo che lui stesso definisce “il centro dell’universo”. “Ho provato un grande senso di orgoglio quando Columbia Records mi ha dato l’opportunità di realizzare questo nuovo disco. Ho capito che c’era l’interesse a sostenermi nel creare un album come ho sempre sognato di fare. Pensavo che dovesse essere d’impatto e contenere gioia pura” -afferma Pharrell  –“e da subito ho voluto intitolarlo G I R L. Spero che vi piaccia.”

Molte le collaborazioni in questo nuovo lavoro: risaltano i nomi di Justin Timberlake in “Brand New” e quello di Alicia Keys in “Know Who You Are”, a cui vanno aggiunti Daft Punk in “Gust Of Wind”, Miley Cyrus in “Come Get It Bae” e la figlia del famoso Ozzy, Kelly Osbourne nel brano che apre l’album “Marilyn Monroe”. Un album che suona diverso ed innovativo, per un artista che non ha mai messo limiti alla sua forza creativa e al suo fiuto musicale che l’hanno portato al suo status attuale di superstar; i dieci brani sono tutti scritti, arrangiati e autoprodotti e centrano perfettamente l’obiettivo di cui parlava l’artista, ovvero trasmettere energia e gioia. Traccia dopo traccia, senza mai prendersi troppo sul serio ma offrendo comunque un sound assolutamente ricercato, Pharrell ci ricorda che la musica è sempre, e soprattutto, divertimento.

 

Rispondi