Lo scorso aprile del 2011 la Andy Warhol Foundation ha stipulato un accordo da due milioni e mezzo di dollari all’anno con un’azienda che produce custodie e borse per Apple (Incase) per l’utilizzo di alcune opere del celebre padre della pop art. Tra le tante opere utilizzate sulle custodie per Ipad e Iphone c’è anche la famosa banana della copertina del primo disco dei Velvet UndergroundThe Velvet Underground & Nico” nel 1967, conosciuto anche come Banana Album.

The Velvet Underground & Nico - cover

Nel 1965 Andy Warhol procurò un contratto discografico al gruppo di Lou Reed  e in qualità di produttore impose al gruppo la modella e cantante tedesca Nico, che compare alla voce in tre brani: il risultato è uno degli album che hanno segnato la storia della musica rock. L’artista inoltre prese l’illustrazione di una banana da un archivio di sue immagini pubblicitarie e la riadattò per la copertina dell’album, copertina diventata poi un vero e proprio simbolo della band.

LouReed e John Cale hanno presentato un’istanza al tribunale di New York, sostenendo che la fondazione che cura l’eredità di Warhol non abbia alcun titolo per concedere l’uso della celebre immagine e che il copyright della banana non sia mai stato registrato, poiché Warhol usò un’immagine presa da una pubblicità e quindi di pubblico dominio. Se ciò fosse vero la Andy Warhol Foundation of Visual Arts  andrebbe incontro a seri guai in quanto gran parte delle opere di Warhol potrebbe ricadere in questa definizione e perdere valore commerciale.

Reed e Cale accusano la Warhol Foundation di avere ingannato il pubblico facendo credere che il progetto avesse ottenuto anche la loro approvazione e pertanto chiedono che la fondazione rinunci adesso a tutti i diritti. Al momento non è ancora arrivata nessuna replica da parte della Warhol Foundation che è entrata in possesso dei diritti dell’icona nel 1987 dopo la morte dell’artista newyorkese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.