Andrea Soru, musicista meglio noto con il nome Jabaro, realizza musiche che vanno dal chillout all’ambient passando comunque per rock,pop e reggae, componente nonchè co-fondatore del duo chillout-lounge Double6project di cui abbiamo già parlato qualche tempo fa, si lancia ora in una nuova esperienza da solista con l’album “Qol demamah daqqah“.

La composizione e la realizzazione delle musiche di “Qol demamah daqqah”, traduzione in ebraico del passo della Bibbia “1 Re, 19:12” il versetto si riferisce alla presenza di Dio nella storia dell’umanità intesa non come fuoco,tuono o potenza ma piuttosto come “Voce di un silenzio sottile/mormorio d’una brezza leggera”, sono state realizzate per ricordare un piccolo evento che aiutò Jabaro ad aprire gli occhi su se stesso e sul mondo. Nell’estate del 1999 il musicista sentì il bisogno di allontanarsi da tutto quello che conosceva e accostarsi invece a vie che non avrei allora mai potuto immaginare di percorrere, intraprese così il cammino della via francigena a piedi, attraversata dai pellegrini nei secoli passati,, da Parma a Roma, ma che inizia in Inghilterra a Canterbury, perchè inspiegabilmente sentiva di averne bisogno, un viaggio per focalizzare tutto quello che aveva intorno per cercare se stesso.

“Qol demamah daqqah” è quindi album “intimista”, con sonorità ora calme ora inquietanti ora misteriose eppure solennemente melanconiche, rilasciato anche esso sotto licenza Creative Commons su Jamendo.

Buon ascolto!

Rispondi