La musica in Italia è in crisi, lo dimostrano i cali nelle vendite e soprattutto le “guerre” mosse dai discografici. Le prime ravvisaglie si sono notate in occasione del Festival di Sanremo, quando i discografici cercarono di opporsi al sistema del televoto poichè non avrebbe fatto incassare nemmeno un centesimo alle Major.

Oggi la questione si sposta tutta al conflitto in corso con le radio. Da qualche settimana infatti non vengono più trasmessi in radio i brani di giovani emergenti (casualmente tutti coloro che sono emersi grazie ad un talent show) come Valerio Scanu, Marco Carta, Marco Mengoni etc.

Il problema è che le principali emittenti radiofoniche italiane non accettano la richiesta dei discografici (iscritte al consorzio SCF) di pagare una percentuale più alta dei diritti.

Le radio sembrano aver perso il senno: o rinunciamo ai diritti o non trasmetteranno i nuovi brani“- E’ l’accusa dei discografici – “le radio devono adeguare i compensi. Il minimo e’ il 2%, che paghino almeno quello, oltre agli arretrati. Ci devono quasi tre anni, ossia piu’ di 5 milioni di euro

Le radio – sottolinea Enzo Mazza, presidente Fimipagano piu’ di energia elettrica che di diritti. Il topolino viene accusato di schiacciare l’elefante. Ma  le radio non ci stanno e dal 7 maggio boicottano le novità musicali oppure chiedono agli artisti di firmare una liberatoria che li esoneri dal pagamento dei diritti a Scf“.
Più moderata la posizione invece del neo presidente Sony Music Italia Andrea Rossi che spiega: “Il muro contro muro non giova a nessuno. Certo è che i nuovi scenari, le nuove tecnologie hanno cambiato radicalemente il modo di intendere i rapporti che esistono da sempre fra noi e le radio“.

7 Commenti

  1. SIAE: Società Italiana Autorizzata all’Estorsione. Un’altra casta medievale che rende il nostro Paese fra i più arretrati e sottosviluppati al mondo.

  2. SE FOSSI IL PROPRIETARIO DI UNA RADIO, NON GLI DAREI NEANCHE UN CENTESIMO:
    SENZA LE RADIO GLI ARTISTI NON LI CONOSCEREBBE NESSUNO

  3. e senza gli artisti le radio si girerebbero i pollici. che fanno raccontano favole 24 ore su 24?

    hanno bisogno l’uno dell’altro, che trovino un accordo.

  4. infatti povero vale è assurdo che le radio vadano a simpatia e non premino il talento (mi riferisco a valerio)come se poi vasco o zucchero fossero tutta sta simpatia..forza vale vedrai che ce la farai

  5. A valerio scanu non l’hanno mai mandato… e di tutto rimando io non ascolto più radio…si sentono sempre gli stessi pezzi e mai niente di nuovo… adesso poi hanno smesso di mandare anche altri artisti di talento come la Amoroso… un comportamento deplorevole!!!

Rispondi