Per chi segue la musica da molti anni questa notizia ha a suo modo del clamoroso: tutto il catalogo delle canzoni di Prince sarà disponibile su Apple Music e su Spotify dal prossimo mese e ne sarà concesso lo streaming in coincidenza con i Grammys.

Prince, nel corso della sua carriera, ha avuto non pochi problemi con le case discografiche, cambiando anche per questo motivo il suo nome (T.A.F.K.A.P., ovvero “The Artist Formally Known as Prince”) e si era appoggiato per quasi due anni alla piattaforma Tidale dove era possibile ascoltare tutta la discografia del Folletto di Minneapolis. Tuttavia, l’esclusiva della Tidal è in scadenza e cesserà il 12 febbraio, in tempo per i Grammy Awards.

Billboard ha pubblicato la notizia che i suoi eredi stanno stringendo un accordo per portare la musica della star deceduta l’anno scorso anche su altre piattaforma digitali e probabilmente verrà data notizia dell’accordo durante un tributo a Prince che si terrà durante la cerimonia dei Grammy e che vedrà sul palco impegnati, almeno secondo i rumors, The Weeknd, Rihanna e Bruno Mars. Secondo Pitchfork, la musica di Prince sarà anche disponibile molto presto su Apple Music. Molti suggeriscono che Spotify stia preparando il terreno per questo evento pubblicando dei manifesti pubblicitari nella cittadina di Manhattan in cui il suo logo è completamente viola, il colore preferito di Prince, citazione anche al suo capolavoro “Purple rain“.

Nel mese di novembre la compagnia che detiene i diritti delle canzoni di Prince aveva aperto la strada per una maggiore e più ampia condivisione delle canzoni dell’artista firmando un accordo di pubblicazione con la Universal Music per tutto il catalogo del cantante americano: fino ad ora però la Tidal ha l’esclusiva e ha condiviso un gran numero delle sue canzoni del passato dopo che avevano firmato un accordo nel 2015, venendo anche denunciata dai garanti del patrimonio di Prince con l’accusa di aver approfittato dell’accorso dato che solo il nuovo disco “HitNRun Phase” era incluso nel contratto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.