Presentato in anteprima durante la serata di Sanremo 2013 dedicata ai successi che hanno fatto la storia del Festival, “Cosa hai messo nel caffè”  è  il nuovo singolo di Malika Ayane estratto da ”Ricreazione – Sanremo edition”.  On air dal 24 maggio,  la cover di Riccardo Del Turco,  già precedentemente interpretata da altri artisti tra cui Carmen Villani e Matteo Brancaleoni, è stata tra le più apprezzate da pubblico e critica.

“Ricreazione è un titolo scelto per l’ambivalenza della parola – dice la Ayane – Si tratta di riprendere in mano quello che ho imparato negli anni dei primi album e tenerne il giusto per iniziare una nuova fase. Contemporaneamente, una volta consapevole del fatto che il mercato è in pezzi, quello che resta è la libertà di fare un disco divertendosi, mettendo in primo piano il proprio gusto e il divertimento,  fondamentali per dare qualche emozione a chi lo ascolterà.

Malika Ayane live al Gran Teatro Geox di Padova
Malika Ayane live al Gran Teatro Geox di Padova

Per il singolo è stato realizzato un videoclip diretto dal marito dell’artista Federico Brugia, girato tra Milano e  il Teatro Regio di Parma. Racconta la bizzarra storia d’amore tra la cantante e un uomo vestito da coniglio, come una moderna rilettura di Alice nel paese delle meraviglie. Brevi le apparizioni dei rugbisti Mauro Bergamasco e Denis Dallan.

L’album contiene anche i due brani presentati alla kermesse, entrambi scritti da Giuliano Sangiorgi, frontman dei Negramaro. Tra le altre collaborazioni, artisti del calibro di Paolo Conte, Pacifico, Tricarico, Boosta, The Niro, Paolo Buonvino e Sergio Endrigo. Insomma, un concentrato di talenti e novità, tra cui l’impegno per la prima volta come produttrice artistica. Premiata ai WMA a Roma il 3 giugno scorso, attendiamo un’altra spettacolare performance il 15 giugno agli MTV AWARDS a Firenze. L’energia e la voglia di leggerezza del suo biondo “momento Bardot” , come emblema di uno stile anni 60 catapultato sui palchi di una Italia in estasi.

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.