Negli anni Novanta e Duemila i Take That hanno battuto ogni record di vendita a livello musicale: ora, a distanza di anni dal loro scioglimento ufficiale, i tre superstiti Gary Barlow, Mark Owen e Howard Donald hanno condiviso il video del nuovo singolo “New day“. La clip, tratta dal loro ottavo album in studio “Wonderland” che è stato pubblicato a marzo, vede i tre veterani circondati da dentisti sadici, clowns, spaventapasseri viventi e ragazze possedute mentre in sottofondo si sente una ballatona con tanto di ukulele e ritornello da stadio. La boyband per salvarsi si scatena in una specie di coreografia collettiva insieme ai protagonisti del video per poi salutare felici guardando dritto in camera.

La band sta recentemente festeggiando il 25esimo anniversario del loro disco di debutto con il “Wonderland Live” tour che comprende 22 spettacoli in 10 città: i Take That avrebbero dovuto suonare alla Manchester Arena lo scorso fine settimana ma tutti quanti gli spettacoli sono stati cancellati per gli attacchi terroristici durante il concerto di Ariana Grande. Per questo motivo il gruppo ha deciso di suonare un concerto il 18 giugno alla Etihad Stadium in onore delle vittime dell’attentato e le persone che avevano un biglietto per uno dei tre concerti cancellati potrà scambiarlo per un biglietto dello spettacolo all’Etihad o ricevere un pieno risarcimento.

Mark Owen ha dedicato il concerto a “chiunque sia stato colpito dagli successi a Manchester”, prima di aggiungere che tutti i profitti ricavati dallo show andranno al fondo di emergenza We Love Manchester. Howard Donald ha detto: “Come sapete, sono nato e cresciuto a Manchester, e in questo momento non sono mai stato così orgoglioso di essere un Mancunian”. Il leader de facto del gruppo Gary Barlow ha aggiunto: ” Avremmo dovuto suonare a Manchester, come sapete. Vogliamo ringraziare enormemente tutti i ragazzi che sono venuti qui oggi, sappiamo che ci vediamo prossimamente a Liverpool e quindi vi ringraziamo per essere venuti al nostro concerto stasera.”

Rispondi