Da giorni, dopo lo scoppio dello scandalo di Marilyn Manson, tutti aspettavano le dichiarazioni di Dita Von Teese. La rockstar e la regina del burlesque sono stati sposati e, dopo le rivelazioni di Evan Rachel Wood, in molti si chiedevano come avrebbe reagito e cosa avrebbe raccontato l’ex moglie del “Reverendo”. Dita Von Teese ha aspettato qualche giorno, per poi rilasciare un breve comunicato direttamente dal suo account Instagram. Ha precisato che sarà l’unica dichiarazione che rilascerà in merito, spiegando di non aver vissuto la stessa esperienza che, purtroppo, molte donne hanno denunciato:

Mi sono presa del tempo per elaborare le notizie emerse lunedì riguardo Marilyn Manson. Esprimo la mia gratitudine alle persone che si sono preoccupate per me. Sappiate che i dettagli resi pubblici non trovano corrispondenza con la mia personale esperienza durante i sette anni nei quali siamo stati insieme. Se così fosse stato, non l’avrei sposato nel dicembre del 2005. Ho deciso di lasciarlo dodici mesi più tardi a causa della sua infedeltà e i problemi di tossicodipendenza. Abusi di ogni tipo non devono mai esistere, all’interno di una coppia, e sollecito coloro che li hanno subiti a intraprendere la strada della guarigione e a trovare la forza di realizzarsi pienamente. Questa sarà la mia unica dichiarazione in merito. Vi ringrazio se vorrete rispettare questa mia richiesta.

La reazione di Evan Rachel Wood

Probabilmente è proprio a seguito delle dichiarazioni di Dita Von Teese che Evan Rachel Wood ha condiviso un articolo riguardante donne che non conoscevano la vera identità dei loro partner. Nel caso specifico, vengono citati mogli di noti serial killer che non erano a conoscenza del lato oscuro dei loro mariti e compagni. Questo per rispondere, molto probabilmente, alle accuse di chi sostiene che fosse impossibile non realizzare chi fosse davvero Marilyn Manson. Tra le altre testimonianze condivise dall’attrice di “Westworld”, c’è chi ricorda anche in che condizioni fosse Wood ai tempi della sua relazione con Manson. Un’altra donna ha dichiarato di aver aspettato per anni il momento in cui poter finalmente dire la verità, senza paura di ripercussioni da parte di Marilyn Manson.

Nelle sue stories, Evan Rachel Wood ha condiviso ulteriori dettagli sulla sua vita al fianco di Marilyn Manson. Sempre più persone riportano un comportamento scorretto, razzista ed antisemita da parte del rocker. Wood ha mostrato come alcuni tatuaggi siano dei palesi richiami al nazismo e delle svastiche stilizzate. L’attrice ha precisato che quando ha iniziato a vedere Manson, lui non aveva ancora fatto quei tatuaggi ma ha raccontato che quando era arrabbiato con lei, le disegnava sul comodino. Inoltre, ha raccontato che l’ex compagno era solito chiamarla “ebrea” con accezione negativa, poiché sua madre si era convertita alla religione ebraica. Sosteneva, però, che già fosse meglio che essere “di sangue ebraico”.

Le dichiarazioni di Trent Reznor

Un tempo Trent Reznor e Marilyn Manson sono stati amici. In un passaggio della sua autobiografia, Marilyn Manson racconta di come lui e il cantante dei Nine Inch Nails avessero approfittato di una donna che era sotto effetto di droghe. Reznor ha dichiarato che si tratta di un’informazione falsa, dissociandosi ancora una volta da Manson:

Per anni ho espresso pubblicamente il mio disprezzo per Manson come persona e ho tagliato ogni contatto con lui 25 anni fa. Come ho già avuto modo di dire a suo tempo, quella pagina del libro è completamente inventata: ero infuriato e offeso allora e sono infuriato e offeso ancora oggi.

Sempre nello stesso libro, “La mia lunga strada dall’inferno” (The Long Hard Road Out of Hell, 1998) Marilyn Manson racconta un episodio inquietante – oggi ancor di più – in cui aggredì sua madre, Barbara Warner, perché era convinto che tradisse suo padre. “Ha ancora la cicatrice” aveva raccontato Manson, spiegando di averle lanciato in faccia una bottiglietta di profumo. In altre liti, il cantante aveva raccontato di aver sputato, spinto e picchiato la madre, tentando di soffocarla.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.