Testi e Traduzioni

Pubblicato il febbraio 15th, 2014 | da Luisa Fazzito

0

Arisa: “Lentamente (Il primo che passa)”. Testo

Con la partecipazione alla 64° edizione del Festival di Sanremo Arisa colleziona la sua quarta volta sul palco prestigioso dell’Ariston. La cantante lucana aveva esordito nel 2009 quando con il brano “Sincerità” vinceva nella categoria Nuove Proposte. L’anno seguente si presentava alla kermesse canora questa volta nella categoria Big con il brano “Malamoreno” e infine nel 2012 sfiora la vittoria con la canzone “La notte” classificandosi alle spalle di Emma Marrone.

Quest’anno ci riprova con i due brani “Lentamente (il primo che passa)” e “Controvento“, il primo scritto in collaborazione con Cristina Donà e Saverio Lanza, il secondo invece porta la firma dell’ex fidanzato Giuseppe Anastasi. “Lentamente” è un messaggio per chi, dopo la fine di una relazione sentimentale, può e deve trovare una opportunità per cambiare: “È la magia di un risveglio: la forza di ripartire per un nuovo viaggio con la consapevolezza di essere sufficienti a se stessi” – spiega la cantante.

Entrambi i due brani sanremesi saranno inclusi nella tracklist del nuovo album, il quarto della sua carriera che vedrà la luce il 20 Febbraio e che si intitolerà “Se vedo te“.

Arisa – Lentamente (Il primo che passa) – Testo

Il primo che passa
si prenderà il cuore
la mia voce amara
e l’anima se la vuole
quell’orologio fermo
che hai lasciato sopra al letto
Il primo che passa
si porterà via
il tuo ultimo abbraccio
La nostra vita è così sia
Quell’orologio fermo
da un pò si è sciolto sopra al letto
e tu sei scivolato dentro questo mio risveglio
Lentamente si apre il giorno davanti a me
luce calda che l’orizzonte fa nascere
cresce una mela su un ramo ed io vivo
masticare la realtà nuda
certamente poi non mi servirà ad avere paura
E’ come guardi il mondo
che poi ti cambia tutto dentro
e penso a te su questo
su questo prato
dove una volta per te ho cantato
l’alba è pronta
ed io mi commuovo sempre
Lentamente si apre il giorno davanti a me
luce calda che l’orizzonte fa nascere
stacco la mela da un ramo ed io vivo
luce calda che l’orizzonte sa far nascere
cade una mela da un ramo ed io vivo.

Fonte | Tv Sorrisi e Canzoni

Tags: , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Appassionata di calcio e sport, amante di tutto ciò che è rock e grunge, apprezza la musica e ne scrive quotidianamente. Ama i live e segue con passione gli eventi mediatici, coordina con entusiasmo il gruppo editor di MelodicaMente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi