Recensioni Ska J - "Socco" - Artwork

Pubblicato il marzo 7th, 2013 | da Stefano Pellone

0

Ska-J: “Socco”. La recensione

Gli Ska-J, formazione veneta che ormai solca da 10 anni il mare musicale, ha deciso di festeggiare il suo compleanno con un disco nuovo, “Socco“, disco composto da 8 brani originali, 3 classici della canzone d’autore e la riedizione di “Santamarta“, canzone storica del gruppo votata come sesta canzone dialettale più famosa degli ultimi 20 anni, dietro pezzi come “Curre curre Guagliò” dei 99 Posse.
Il tutto perfettamente in linea con la migliore tradizione degli Ska-J, gruppo orientato a fare musica energica divertendosi e lanciando un messaggio di satira irriverente che prende in giro tutto e tutti, a partire da se stessi, per risvegliare le coscienze, vincere la pigrizia e liberarsi dalle “armi di distrazione di massa”, darsi da fare per il cambiamento a cominciare dalla propria vita.

E’ questo il messaggio degli Ska-J che per questo lavoro hanno potuto avvalersi della collaborazione di alcuni amici come Pitura Freska, Banda Osiris, Carlo & Giorgio, Bullo dei Rumatera, Serena Nono e Tiziano Scarpa. La formazione al momento comprende Filippo Vignato (trombone), Luca Scaggiante (chitarra), Alan Liberale (batteria), Ilenya de Vito (voce), Sandro Caparelli (Contrabbasso e basso elettrico), Marco Forieri (sax e voce) e Luca Toso (sax e voce).

Ska J – “Socco” – Artwork

Il disco parte con una versione ska di “Pata pata” di Miriam Makeba e subito dopo con il singolo “Socco” (“Zuccone” in veneto), brano trascinante e simpatico presente nel disco con la versione in dialetto e con quella in italiano. Il disco prosegue con canzoni ska strumentali come “Perché no“, “Inga the Kangaroo” e “Cous cous” e con canzoni più calme come “Centro vitale” con la bella voce di Ilenya De Vito che canta anche in “Dimmi ancora ciao“. Nel disco sono presenti anche brani orientati verso il bluebeat come “Chissà, chissà, chissà” e cover di brani stranieri come “Fever” e “So in love” e di brani italiani come “Senza fine“.

Il disco è un buonissimo lavoro e la qualità della band non si discute, rodata ormai da dieci anni di musica on the road. L’album riesce anche a non annoiare grazie alla sua varietà e alla sua genuinità e risulta molto piacevole all’ascolto. Consigliato per chi ama lo ska e per chi vuole divertirsi.

Voto:

6.5/10

Ska-J: "Socco". La recensione, reviewed by Stefano Pellone on 2013-03-07T09:58:22+00:00 rating 6.5 out of 10

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi