Gli Atari Teenage Riot sono un gruppo berlinese che si è sempre contraddistinto negli anni per lo spirito antinazista e anarchico e per il loro modo di fare musica digital hardcore, hardcore techno e hardcore punk. Dopo lo scioglimento per la morte di uno dei componenti nel 2000, gli Atari si riuniscono nel 2010 e ripartono con un tour che tra le prime date includeva proprio Roma. Quest’anno per lanciare il nuovo album ritornano all’Alpheus.
Ne è valsa la pena!” questa è una delle poche volte in cui lo si può dire. Aspettare 3 ore l’inizio di un concerto non è mai piacevole, ma quando, dopo 1 birra e 2 cocktail, hai davanti la band di Alec Empire ti risale in un attimo tutto l’entusiasmo represso. Speed tratto da “Burn, Berlin, Burn” è il pezzo che fa subito capire le intenzioni di Alec & soci.
La sala però si scalda con Start the Riot, “are you readieeeee???“, parte la rabbia di Nic tra rumori, battiti hardcore, un bel FUCK YOU e il delirio totale si scatena.
Into The Death” con suo old school metal porta a pogare anche la timida ragazza finita li per caso con l’intenditore di turno. E ancora “Kids Are United!“, “Sick To Death” e “Deutschland (has gotta die)“.
Dopo una piccola pausa la band di Berlino risale sul palco e comincia a presentare quello che conferma il loro attivismo hacker “Is This Hyperreal?“, è il nuovo album in uscita il prossimo 7 giugno.
Blondie my eyes“, “Re-Arrange Your Synapses” , “Shadow Identity“, “Digital Decay” sono i pezzi che gli ATR hanno scelto per imboccare ai fan il nuovo disco denso della solita rabbia, distorsioni, dissonanze e rumore sonoro che hanno contraddistinto negli anni “gli incazzati” della capitale tedesca.
Per concludere e far sudare come “solo nei migliori locali di Berlino” la crew di Empire & Co. ha spaccato i timpani con “Too dead for me“. Purtroppo però arriva il momento dei saluti e di andare a far una bella doccia contenti anche di aver visto surfare con una maschera psicedelica CX KiDTRONiK il nuovo membro del gruppo furioso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.