E’ uscito “Almanacco del giorno prima“, ultima fatica discografica di Giuseppe Peveri, ai più noto come Dente, esponente di spicco della scena musicale indipendente e della nuova ondata cantautorale italiana per l’etichetta RCA/Sony Music in versione CD, Vinile e digitale.

Dente pubblica questo suo nuovo progetto musicale a distanza di tre anni dall’ultimo album “Io tra di noi” e dopo un lungo tour che lo ha portato in lungo ed in largo in Italia e all’estero, e lo fa in gran stile, pubblicando un disco molto intimo e che riesce nel contempo stesso, grazie allo stile molto personale ed originale dell’artista, a cogliere le sfumature della vita di tutti noi, parlando al cuore con leggerezza ma anche con profondità.

Registrato tra le mura di una ex scuola elementare a Busseto (Parma), nell’immobile estate delle terre verdiane, grazie al sapiente lavoro di Sig. Solo, Nicola Faimali, Gianluca Gambini agli arrangiamenti, Tommaso Colliva al mix e mastering e Enrico Gabrielli alla direzione fiati ed archi, il disco (la cui grafica è stata studiata da Dente stesso insieme a Paolo de Francesco) è composto da 12 canzoni inedite ed ognuna caratterizzata da una forte identità. Si parte con “Chiuso dall’interno“, pezzo sospeso nel tempo che scava dentro e fotografa una parte di noi, un pezzo di storia, un pezzo di cuore.

Si prosegue con “Invece tu“, brano scelto come singolo, una canzone molto sixties e quasi balneare che però suona molto attuale e assolutamente fischiettabile, mescolando melodie brasiliane e canzone d’autore italiana, per un risultato sorprendente, dove chi canta non si rassegna allo scorrere del tempo e vuole vivere. Le maracas introducono “Miracoli“, canzone biografica dalla melodia tortuosa come una corsa sulle montagne russe intensa e breve, visti i due minuti scarsi di durata del pezzo.

Con “Fatti viva” il disco cala di ritmo e di intensità con una canzone che risente troppo dell’hammond e che ne viene appesantito in parte: il filo del discorso risale parzialmente con “Al Manakh“, canzone lieve ed autobiografica che ripercorre la vita di ognuno di noi e che finisce con un simpaticissimo inserto ripreso dalla musica di accompagnamento della trasmissione “L’almanacco del giorno dopo”.

dente-almanacco-del-giorno-prima
Dente – Almanacco del giorno prima – Artwork

Dopo troviamo i brani “Un fiore sulla luna” e “Coniugati passeggiare“, brani a dir poco speculari, dato che per quanto sia vicino al nuovo corso il primo ne è lontano il secondo, che ricorda moltissimo da vicino i lavori dei tempi di “L’amore non è bello” e che è anche uno dei pezzi migliori del disco, a mio avviso. Sempre su questa falsariga si colloca “Gita fuori luogo“, che mescola musica anni ’60 e limbo e che con la sua aria di festa mette allegria e rimane in mente.

Casa mia” mostra un pochino i limiti di questo disco: melodia lenta e dimessa, testo introspettivo, pezzo finale drammatico. Una scelta musicale che troviamo in molti altri brani del disco e che lentamente, dopo alcuni ascolti, stucca, senza trovare i giusti intermezzi che riportino l’attenzione dell’ascoltatore in alto e centrata sul disco, e in brani come “Meglio degli dei” questa tendenza viene fuori in maniera prepotente. Per fortuna ci sono poi brani come “I miei pensieri e viceversa” più ritmati e più vicini al passato del cantautore che fanno riprendere quota ad un disco altrimenti troppo dimesso e umbratile. Il disco termina con “Remedios Maria“, brano che conclude degnamente questo laovor discografico.

Il nuovo disco di Dente inaugura un nuovo percorso cantautorale meno frizzante e molto più introspettivo e referenziale… forse anche troppo. In “Almanacco del giorno prima” manca molto del brio del primo Dente, quello di “L’amore non è bello” e degli esordi, il cantautore spiritoso e personale che in molti hanno amato e che ha fatto da apripista al nuovo genere cantautorale italiano facendo quasi gridare al nuovo miracolo italiano. Il progetto di Peveri è un lavoro molto personale e introspettivo che piacerà molto probabilmente agli aficionados del cantautore ma non troverà molto probabilmente molta presa tra gli altri.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.