Recensioni

Pubblicato il settembre 6th, 2013 | da Stefano Pellone

4

Goldfrapp: “Tales of us”. La recensione

Goldfrapp: “Tales of us”. La recensione Stefano Pellone
Voto MelodicaMente

Summary: "Tales of us" non convince e non colpisce a tratti resta un album noioso per 'ascoltore

2.75

Non convincente


Voto Utenti: 5 (2 voti)

Quando si parla di Goldfrapp, si sa che si sta per entrare in un terreno molto particolare: la cantante Alison ha una voce molto particolare ed il duo inglese ha sempre colpito per le sue scelte musicali e stilistiche. Ed è così anche con il nuovo disco, “Tales of us“.

Il disco, registrato tra le campagne londinesi e missato a Londra, segue di ben tre anni il lavoro precedente, “Head first“, lavoro che aveva lasciato i fan del duo elettronico abbastanza delusi, memori dei capolavori precedenti “Felt Mountain” e “Black Cherry”. E tutti si aspettavano una risalita che segnasse la rinascita della formazione inglese. Risalita che, mi dispiace dirlo, non si vede nemmeno in lontananza.

Tales of us” è un disco da 10 tracce per 44 minuti di musica ed è stato descritto dalla casa discografica come il loro disco “più sontuoso, intimo e cinematografico”, frutto di oltre due anni di lavoro in cui ogni traccia ha il nome di una persona tranne una traccia, “Strangers” e dove i testi raccontano di storie d’amore, di allucinazione, di fiabe, di folklore e di redenzione mentre le melodie, sognanti e delicate.

Già dalle prime due tracce, “Jo” e “Annabel“, danno bene l’idea del lavoro che si ha tra le mani: una voce delicata e leggera, quasi sussurrante, una musica che grazie alla chitarra e alle tastiere sospende l’ascoltatore in un mondo sospeso, quasi di nuvola, dove siamo condotti per mano da Alison in questo viaggio fatto di note.

Goldfrapp - "Tales of us" - Artwork

Goldfrapp – “Tales of us” – Artwork

Il viaggio prosegue ascoltando le tracce successive, che si snocciolano come in un rosario musicale dove la foga e l’energia di alcuni grandi successi del gruppo (basti pensare a “Oh la la”) è ormai quietata ed ha ceduto il passo a momenti più distensivi e raffinati come “Drew“, “Ulla“, “Alvar“, “Thea“, “Simone“, “Strangers“, “Laurel” e “Clay“. Anche troppo distensivi e raffinati, a dirla tutta.

Non dispiace scoprire questo lato dei Goldfrapp così particolare, intimo ed intenso allo stesso tempo, ma il disco, a lungo andare, diventa pesante per l’ascoltatore che deve fare un certo sforzo per arrivare alla fine dell’album e resistere alle ondate di noia e di sonno che incedono progressivamente sulle sue palpebre. Come detto prima, molti si aspettavano una rinascita dei Goldfrapp ed una loro riscossa, un segnale di vita dal loro stato di torpore compositivo, ed invece si sono trovati tra le mani un disco lento, pesante, ripetitivo in alcuni punti e tutto incentrato su un cantato che convince poco e che sembra destinato a cullare un bambino. Questo può essere sopportabile per qualche minuto, ma non per tutto il disco, avendo ben fissi in testa, ripeto, i lavori precedenti dei Goldfrapp, molto più energetici e che avevano aiutato il gruppo ad uscire dall’anonimato e a farsi conoscere in giro per il mondo. Peccato. “Tales of us” non convince e non colpisce.

 

Tags: , ,


Informazioni sull'Autore



4 Responses to Goldfrapp: “Tales of us”. La recensione

  1. roberto biacca says:

    Mi sembra esagerato dire che un ascolto completo dell’album sia impossibile, noi , ad esempio, abbiamo l’abitudine in queste sere d’estate di metterlo “addirittura” in loop, senza mai avvertirne la pesantezza nè tantomeno annoiarci. Dirò di più, dopo tanti ascolti non potremmo più farne a meno.

  2. simone says:

    condivido, gli album dovrebbero essere ascoltati più e più volte, possibilmente per giorni di fila per essere assimilati. Certo, diverso dai precedenti lavori, ma forse è il bello di questo duo, non essere mai scontati, spicca per classe ed eleganza.

  3. Luigi says:

    È un album notevole, per niente superficiale o banale, studiato, curato, le canzoni che parlano di varie storie e personaggi sono una bella idea, l’album comunica qualcosa all’ascoltatore e non i soliti testi noiosi oppure insensati. Le musiche sono leggere, tranquille, quasi suffuse, piacevoli e rilassanti. Gli album vanno ascoltati molte e molte volte prima di essere recensiti.
    Recensione del disco alquanto frivola.

  4. Mauro says:

    Pessima recensione, uno degli albumi più belli del 2013. Un album in grado di metterti in contatto col tuo io, la tua intimità. Qualcosa di unico in un panorama monocorde dominato da lady gaga, katy perry e via dicendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi