News Lenny_Kravitz

Pubblicato il settembre 20th, 2011 | da Chiara B

3

Lenny Kravitz: “La droga aiuta l’ispirazione”. Nuovo scandalo dopo Morgan

Dichiarazione shock di Lenny Kravitz alla presentazione del suo ultimo lavoro “Black and White America”. Interpellato riguardo alle droghe ed al loro uso, si esprime dicendo: “Se la droga puo’ aiutare la creativita’? Si’. E’ successo a tanti artisti? Si’. Ma se andiamo a vedere l’esperienza dei musicisti del passato vediamo che non ha portato nulla di buono alla loro carriera”. Continua la propria argomentazione, affermando che molti artisti, da musicisti a scrittori, hanno consumato droga e da ciò hanno ricevuto l’ispirazione per produrre alcune delle loro opere migliori, che noi tutt’ora amiamo. Aggiunge inoltre che è distruttiva, soprattutto se utilizzata per compensare sofferenze e dolori profondi, citando l’esemplare caso di Amy Winehouse.

lenny kravitz

A questo punto una serie di considerazioni prendono il largo nella mia testa e mi sento di condividerle con il lettore che, per caso o no, abbia aperto questo articolo. Un anno e mezzo fa circa, era Gennaio/Febbraio del 2010, in Italia scoppiò uno scandalo che non ci dette tregua nè in televisione nè sui giornali per intere settimane. Morgan, al secolo Marco Castoldi, ad una intervista rilasciata alla rivista “Max” aveva infatti dichiarato: “La droga apre i sensi a chi già li ha sviluppati, e li chiude ad altri. Io non uso la cocaina per lo sballo, a me lo sballo non interessa, ma come antidepressivo, avercene di antidepressivi come la cocaina”, conclude poi con: “Fa bene, e Freud la prescriveva”. Rivoltati Italia! Tutti contro l’ex cantante dei Bluvertigo, tutti a dire che le sue parole erano vergognose, la Rai decide di eliminarlo dal Festival di Sanremo a cui avrebbe dovuto partecipare di lì a poco, gli viene impedito di andare ospite nei programmi a dare una spiegazione, ma viene obbligato a partecipare ad una puntata speciale di “Porta a porta” appositamente messa in onda per consentire a questo peccatore di espiare la propria colpa e domandare perdono alla pubblica morale. Allora rimasi disgustata da tale sbuffo di bigottismo ed oggi la mia idea non è cambiata. Non si gridi allo scandalo, il punto fermo è uno: la droga fa male, non bisogna mai e poi mai usarla! La giustificazione “Freud la usava” non regge ai nostri tempi, perchè studi scientifici e test clinici hanno provato l’effetto disastroso che sostanze di quel genere hanno sul corpo e in particolare sul cervello di chi le assume. Un tempo si credeva anche che fare i salassi riuscisse a curare le più svariate malattie, depressione compresa, ma ad oggi siamo tutti consapevoli che sono una pratica del tutto inutile. Messo in chiaro ciò, il picco di bigottismo che si è registrato in quel periodo non ha (per fortuna) più avuto eguali. Il motivo per cui Morgan è stato condannato da mass media e popolo italico è stato il fatto che avesse pubblicamente dichiarato di assumere droghe: tutti i giornali e i servizi tv titolavano infatti “Morgan usa cocaina: scandalo” oppure “Morgan sniffa per combattere la depressione”. Veniva fatto solo un vago riferimento alla reale pessima e fuori luogo parte sugli effetti benefici della cocaina. Questo è vergognoso: che ci si scandalizzi perchè viene scritto su un giornale che ci si droga, non che si dica che fa bene. Gogna mediatica immediata per Morgan, finchè non lo ha confermato con sua parole, prima a chi importava che tirasse su due-tre strisce al giorno? Era in televisione e protagonista del Festival della canzone. E’ bastato ammetterlo per fare di lui un mostro, come se nessun altro al mondo facesse uso di droghe, come se questo non fosse un problema sociale da affrontare ma una vergogna da tenere lontana nell’ombra. Non sono solo ragazzi giovani ed artisti a drogarsi e trasmissioni come “Le Iene” hanno cercato di abbattere questo clichè con non poche difficoltà. E’ incoerente fare centinaia di reportage e talk show su come la droga sia una piaga della società, su come sia importante riabilitare come persone gli ex tossicodipendenti e poi trattare da appestato chi a tutta Italia ne dichiara l’uso personale. Lo scandalo di Morgan, come tutti gli altri, è andato perdendo di importanza col tempo ed oggi, Settembre 2011, Lenny Kravitz lancia un messaggio a chi lo ascolta: “La droga fa male, ma dà ispirazione artistica”. Partirà un nuovo processo? I Santi Inquisitori andranno a bussare alla porta dell’albergo di Lenny Kravitz? Credo proprio di no. Ed è strano, perchè ha detto di non drogarsi, ma che la droga può risultare utile: insomma, tutti quelli che si sono scandalizzati per Morgan, dove sono finiti? Non difendo Morgan e non attacco Lenny Kravitz, la mia è solo una riflessione su come talvolta i punti di vista cambino e con essi le reazioni, anche se ancora non ho capito il perchè.

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore



3 Responses to Lenny Kravitz: “La droga aiuta l’ispirazione”. Nuovo scandalo dopo Morgan

  1. larsen says:

    Kravits non ha inneggiato ha solo espresso quello che tutti sanno dai tempi del laudano o dell’efedrina, così come Morgan parlava di se stesso e basta, non incitava nessuno ed in più pare avesse all’idiota del giornalista di non scriverlo era poco più di un pour parler. Quello che hanno fatto a Morgan per mesi è stato ignobile e pericoloso. Proveniva dagli ipocriti con tanti scheletri nell’armadio, da gente affetta da invidia professionale e, soprattutto, è stata al scusa volutamente cercata per farlo fuori perchè stava diventando troppo fastidioso in RAI con certe dichiarazioni e modi di fare.
    Una gogna mai vista.Si vergognassero

  2. larsen says:

    benzedrina scusa non efedrina

  3. Giusy says:

    Tra le due dichiarazioni c’è una differenza abissale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi