Recensioni

Pubblicato il febbraio 12th, 2016 | da Stefano Pellone

0

Massive Attack: “Ritual spirit”. La recensione

Massive Attack: “Ritual spirit”. La recensione Stefano Pellone
4

Summary: "Ritual Spirit" mostra la rinascita dei Massive Attack. E' come se un vento perfido e oscuro soffiasse su tutto il disco.

4

EP prodotto in 3D


Voto Utenti: 2.4 (1 voti)

Dopo il lancio nei giorni scorsi della app Fantom e le anticipazioni fatte trapelare con alcuni frammenti di tracce inedite, i Massive Attack, gruppo cardine del trip-hop e della scena undergound inglese, hanno oggi pubblicato “Ritual Spirit”, un EP contenente quattro brani inediti nei quali è prevista una collaborazione. Un ulteriore EP è previsto per questa primavera (e sarà prodotto da Daddy G) e sarà seguito da un album entro la fine dell’anno.

Dopo la diaspora degli anni 2000 e il piccolo capolavoro “Heligoland” del 2012, il gruppo ha cercato faticosamente di rimettersi insieme e riunire le sue molte anime: Robert “3D” Del Naja, Grant “Daddy G” Marshal, Andrew “Mushroom” Vowles e Tricky, ormai lanciato nella sua carriera solista. Dopo un lungo lavoro dietro alle colonne sonore di alcuni documentari il gruppo ha finalmente ritrovato la forza per riunirsi ed evocare questo nuovo disco, “Ritual Spirit”, EP prodotto interamente da 3D.

La scelta della band, alla fine, è stata notevolmente conservativa: la tendenza claustrofobica di 3D si avverte già dalle prime note di “Dead editors“, brano che vede la collaborazionedel rapper inglese Roots Manuva e si vede la mano di Marshall in questo pezzo, notevolmente cupo e orientato verso il rap. La title track, “Ritual spirit“, continua in questa tendenza a ripescare le atmosfere come “Inertia creeps” e vede la partecipazione del vocalist Azekel, che con la sua voce quasi in falsetto riesce a rendere ancora più particolare questo pezzo, colonna sonora dell’inquietudine metropolitana o di un poliziesco di quelli “hard’n’dirty”.

Cover

Massive Attack – “Ritual spirit” – Cover

Voodoo in My Blood” vede la partecipazione dei Young Fathers, un gruppo musicale alternative rap scozzese, ed è un pezzo a cavallo tra i Prodigy e i Massive Attack prima maniera, una sorta di versione più corale e moderna del lavoro oscuro di Del Naja che evoca scenari gravidi e pericolosi grazie ad una sinistra chitarra ed a liriche oscure. L’EP termina con il pezzo più atteso, il ritorno del figliol prodigo Tricky con “Take It There“, e quando dico ritorno credo che mai parola sia stata usata meglio: sembra di essere tornati ai tempi di “Mezzanine” ma con l’aggiunta della sua voce che sembra partorita direttamente da qualche inferno anche troppo vicino e con delle cose molto spiacevoli da dire.

Ritual Spirit” mostra la rinascita dei Massive Attack più come idea che come collettivo: tra le loro varie entità, rappresentate da brani come “Man next door”, “Risingson”, “Teardrop” e “Protection”, questa volta ha vinto quella più cupa. E’ come se un vento perfido e oscuro soffiasse su tutto il disco, quasi un incantesimo malefico: non c’è redenzione nel nuovo mondo dei Massive Attack, c’è solo ansia, oscurità, tempeste grigie sullo sfondo e la sensazione imponderabile che qualcosa non stia andando per il verso giusto. E il ritorno di un folletto demoniaco come Tricky non fa che rafforzare questa convinzione. Forse manca una voce femminile in questo disco, così pieno di voci maschili, ma credo che questo sia dettato da una precisa scelta stilistica e musicale. E se questa è la nuova linea musicale di 3D e soci, beh, signori, benvenuti all’inferno.

Tags: , , ,


Informazioni sull'Autore



Rispondi

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi