News birthing

Pubblicato il marzo 7th, 2016 | da Carmen Pierri

0

Spotify pensa ad una playlist per il parto studiata scientificamente

Si sa, Spotify ha una playlist per tutto… anche per il parto! Avete letto bene, si tratta di una playlist studiata scientificamente per il parto. Dal travaglio alla nascita del piccolo neonato, Spotify non poteva non pensare ad una playlist adeguata, ovviamente con il supporto tecnico scientifico del Dottor Moritz esperto in ostetricia e ginecologia. La musica accompagna la nostra esistenza, addirittura il feto sin dai primi suoi momenti di vita si pensa sia influenzato costantemente dai suoni provenienti dall’esterno, compresa la voce della sua futura mamma, e perché non utilizzare il potere della musica per rendere uno dei momenti più faticosi della vita di una donna meno doloroso e traumatico? Dagli U2 a Bach il passo è breve. La fruizione musicale è ormai alla portata di qualsiasi dispositivo in tutti i momenti della nostra vita, così, con il diffondersi dell’utilizzo dei servizi di streaming musicale online, numerose playlist sono apparse sulla piattaforma di streaming musicale più utilizzata negli ultimi anni, dall’ora del caffè a quella dell’aperitivo, dal relax del giovedì sera alla frenesia del lunedì mattina. In collaborazione con Jacques Moritz, Spotify mette a disposizione la playlist per la nascita ideale (testata in sala parto) la quale riflette l’esperienza più faticosa della vita di ogni donna. Proprio come il travaglio la playlist comincia con momenti molto lenti per intensificare il ritmo e concludersi con una leggendaria Suite di Bach, il momento in cui la mamma incontra per la prima volta il suo piccolo.

Ma si sa, il parto non è uguale per tutti, ed è proprio per questo che oltre a fornire una playlist ufficiale, il Dottor Moritz ha dato anche preziosi consigli a chi volesse crearne una a partire da zero: sono necessari brani che facciano sentire a casa, che avvicinino la partoriente ai momenti belli della sua vita, perché quindi non includere dei brani che vi fanno ricordare l’adolescenza? Inoltre, il Dottor Moritz dà importanti consigli alle strutture che ogni giorno vedono nascere centinaia di bambini:

“La musica influenza profondamente il sistema limbico del nostro sistema nervoso centrale, che gestisce i nostri ricordi, le emozioni e il modo in cui affrontiamo la paura e il dolore” ha spiegato il Dottor Moritz. “Il fatto che le donne utilizzino la musica durante il parto come fonte di conforto e forza è un gesto sensato. Inoltre, gli ospedali, e in particolare le sale parto, possono essere rumorosi e disagevoli – una buona playlist aiuta le mamme a distrarsi da questi rumori e ad affrontare meglio la paura e il dolore, vivendo un’esperienza di parto più positiva”.

Siamo tutti accompagnati dalla colonna sonora della nostra vita, brani che fanno da sottofondo alla nostra storia d’amore o lo sono stati per la nostra adolescenza. Così, con l’ascolto di brani dolci e tranquilli non verranno ricordati solo i momenti dolorosi, ma i ricordi saranno cullati dolcemente dal potere della playlist del Dottor Moritz.

Playlist per la nascita

Pearl Jam – Just Breathe
James Bay – Let It Go
Regina Spektor – Don’t Leave Me
Sigur Rós – Festival
Death Cab for Cutie – Transatlanticism
The Lumineers – Ho Hey
Norah Jones – Sunrise
Craft Spells – After the Moment
Xavier Rudd – Follow the Sun
Lucinda Williams – Fruits of My Labor
John Lennon – Beautiful Boy (Darling Boy)
Colbie Caillat – Capri
D’Angelo – Really Love
Milton Nascimento – Nos Bailes Da Vida
Coldplay – Don’t Panic
Fleet Foxes – Your Protector
Yeah Yeah Yeahs – Maps
Kygo Maty Noyes – Stay
P!nk – Try
Muse – Starlight
John Legend – All of Me – Tiesto’s Birthday Remix
David Bowie, Queen – Under Pressure
U2 – With or Without You
Wilco – Impossible Germany
Arcade Fire – Wake Up
R.E.M. – Nightswimming
Patty Griffin – Heavenly Day
Iron & Wine – Naked As We Came
Beyoncé – Blue
Johann Sebastian Bach, Yo-Yo Ma – Unaccompanied Cello Suite No. 1

Tags:


Informazioni sull'Autore

Lo studio del pianoforte avvicina il suo cuore alla musica in tenera età facendole sviluppare presto una passione per tutta la musica esistente. Appassionata di musica strumentale è una biologa prestata alla critica musicale. Amante dell'indierock, la sua unica certezza i Radiohead. La musica, l'evoluzione e i numeri la sue passioni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi