Oramai è risaputo che i Radiohead fanno audience, così qualsiasi gruppetto nuovo di zecca cerca di infilare il nome della band di Thom Yorke e fratelli Greenwood da qualche parte per farsi un po’ di pubblicità soprattutto se si parla di nuovo materiale indie e musica sperimentale.
Il simbolo delta nel linguaggio scientifico indica variazione, cambiamento e traducendolo alla “tastiera del Mac maniera” ci accorgiamo di non fare altro che premere i tasti ALT e J per poter scrivere questo simbolo speciale.

Una band fresca d’uscita, o almeno in attività dal 2007 con produzione discografica a partire dal 2012, ha pensato di adottare proprio il nome Alt-J. Vuoi perché la gioventù ormai è attirata da acronimi e sigle, vuol il riferimento alla Apple che fa sempre figo o vuoi semplicemente dare un senso spirituale alla tua musica, la band di Leeds ha scelto questo nome e sembra riscuotere anche tanto successo musicalmente e discograficamente parlando (a parte Apple e Radiohead).

Bando alle ciance, gli Alt-J stanno cominciando a costruire una propria reputazione musicale.
La fenomenologia legata al nome della band ci suggerisce un cambiamento, sta poi agli ascoltatori collocarlo con il giusto significato nel giusto settore.  Gli Alt-J sembrano aver creato una nuova corrente che sta nel mezzo tra Four Tet, Radiohead, Tv On The Radio, Maccabees e The XX  hanno creato una digressione malinconica non disperata, ricercata e a tratti anche allegra.
Evitandovi snobismi da musica POP-olare vi diciamo anche che gli Alt-J sono anche finiti su MTV, rimanendo ovviamente distaccati dall’ambiente colorato e supermegapompato dell’attuale panorama della musica leggera.
Negli ultimi tempi è diventato difficile scrivere e creare musica assolutamente normale, che sia priva di lustrini e di pompature “synthetiche”,  il vero pregio è riuscire a  fare musica in maniera raffinata, semplice e pura.

Alt-J © Alt-J Official Facebook Page

La folk-tronika derivata da Portishead e Tricky sembra condurci proprio ad “An Awesome Wave“, disco d’esordio degli Alt-J, lasciandoci stupiti di come quest’ultimo non sia “uno dei tanti”. Immaginate quanta gioia abbiano provato i musicofili nel trovare finalmente qualcosa che non puzzi di vecchio e scontato? Momenti di giubilo ovviamente.
Il paragone con i Radiohead è stato fatto più volte, ma i membri della band sdrammatizzano dicendo di essere più fighi, di aver un nome più figo di “On a Friday” (nome d’esordio dei Radiohead) e addirittura di fare musica meno sfigata, insomma tutto figo.

Ovviamente queste dichiarazioni vanno prese con le pinze, mica Gwil Sainsbury (basso), Joe Newman (chitarra e voce) e Thom Green (batteria) hanno intenzione di scomodare i “mostri sacri” dell’attuale scena alternative rock?
Beh noi speriamo proprio di no, è risaputo che la scarsa modestia non porta da nessuna parte e che sicuramente la strada per l’oblio-indie è in discesa per cui bisogna fare attenzione ai passi falsi per rischiare di non caderci dentro.
Noi facciamo i complimenti a questi astri emergenti della musica che saranno nel nostro paese per 3 date live:
28 novembre 2012 a Bronson di Madonna dell’Albero (RA)
29 novembre 2012 al Circolo degli Artisti di Roma
30 novembre 2012 ai Magazzini Generali di Milano;

Nel frattempo ci godiamo il video di Tassellate estratto da “An Awesome Wave“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.