Ha visto ieri la luce la versione ufficiale  di “Smile”, Lp dei Beach Boys le cui sessioni originali non erano mai state pubblicate: ‘The Sessions Smile” è il titolo della pubblicazione che la Capitol Records ha rilasciato a distanza di oltre 40 anni dalla lavorazione, con la piena partecipazione di Al Jardine, Mike Love e Brian Wilson. Una storia lunga e travagliata quella di “Smile” che, ideato alla fine degli anni Sessanta, è stato pubblicato seppur in una versione non completamente originale solo nel 2004, quando Brian Wilson decise di terminare il lavoro incompiuto e  rilasciare l’album, dal quale  però mancavano le parti relative alle registrazione originali così che alcuni tagli originali potevano, almeno fino a ieri, essere ascoltati solo come singoli o  bootleg.

3363291
Beach Boys 1966 | © Ian Showell/Keystone/Getty Images
Era il 1966 quando i Beach Boys pubblicarono “Pet Sounds”, l’album che tradizionalmente viene considerato il migliore della band. Dopo il successo di quel disco,  Wilson si mise di nuovo al lavoro su un nuovo album  quello che nelle sue intenzioni avrebbe dovuto superare per sperimentazione  il precedente “Pet Sounds”: le registrazioni si protrassero tra la primavera del ’66  e l’estate del  ’67 , ma l’album, per il quale venne scelto “Smile” come titolo e che avrebbe dovuto essere il sequel del capolavoro dell’anno precedente,era destinato a diventare per Brian Wilson una vera e propria ossessione. In preda all’abuso di droghe, Wilson si perse nel processo di scrittura e l’album, così come pensato in origine come progetto unitario, venne accantonato. Finalmente le registrazioni originali sono venute fuori e ci regalano un doppio cd con il materiale dell’epoca riordinato e donato ai fan. “The Smile Session” è disponibile come doppio cd, in vinile  e in diversi package speciali con sessioni supplementari, bonus track e versioni alternative . Insomma una vera chicca per i fan dei Beach Boys.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.