Daniele Silvestri ritorna al festival di Sanremo per la quinta volta e questa volta con l’opportunità di presentare due brani. L’artista romano, che per entrambi i brani scrive sia testo che musiche, porta le sue due anime cantautorali, quella impegnata con “A bocca chiusa” e quella scanzonata con “Il bisogno di te (Ricatto d’onor)“. Terzo big in ordine di apparizione, dopo l’esibizione di Marco Mengoni e Raphael Gualazzi, Daniele fa il suo ingresso nel suo super elegantissimo  completo suro. Il cantante da il via al suo Sanremo 2013 accompagnandosi solo voce e pianoforte con “A bocca chiusa“, brano in cui il tema politico la fa da padrona con racconti su scioperi e manifestazioni. Numerosi i richiami presenti nl testo “Fatece largo che… passa il corteo” che riprende la frase de “La Società dei magnaccioni” fino all’omaggio a Giorgio Gaber con le parole “partecipazione certo è libertà ma è pure resistenza” che richiama la frase del Signor G. “Libertà è partecipazione”. Durante l’esibizione Silvestri è stato affiancato da Renato Vicini che interpreta il brano tramite la Lingua dei Segni (LIS).

Daniele Silvestri | © Daniele Venturelli/Getty Images
Daniele Silvestri | © Daniele Venturelli/Getty Images

Il bisogno di te (Ricatto d’onor)”, dicevamo brano più sacanzonato e spensierato che riprende lo stile di “Salirò”, Daniele si diverte a prensentare il brano ma è evidente quanto l’autore stesso confidi nel pasare il turno con la precedente. Detto fatto. A proclamare il brano che passa il turno è l’attrice e vj Valeria Bilello che conferma le speranze di Slvestri e della sottoscritta: a passare è il brano “A bocca chiusa” con il 61% dei voti.

Voto: 7

Daniele Silvestri – A bocca chiusa – Testo
(D. Silvestri)

Fatece largo che… passa domani, che adesso non si può
Oggi non apro, perché sciopererò
E andremo in strada co’ tutti gli striscioni
A fare come sempre la figura dei fregnoni
A me de questo sai, non me ne importa niente
Io oggi canto in mezzo all’altra gente
Perché ce credo o forse per decenza
Ché partecipazione certo è libertà ma è pure resistenza
E non ho scudi per proteggermi, né armi per difendermi
Né caschi per nascondermi o santi a cui rivolgermi
Ho solo questa lingua in bocca e forse un mezzo sogno in tasca
E molti, molti errori brutti, io però li pago tutti
Fatece largo che… passa il corteo, se riempiono le strade
Via Merulana, così pare un presepe
E semo tanti che quasi fa paura
O solo tre sfigati come dice la questura
E le parole, sì lo so, so’ sempre quelle
Ma è uscito il sole e a me me sembrano più belle
Scuola e lavoro, che temi originali
Se non per quella vecchia idea de esse tutti uguali
E senza scudi per proteggermi, né armi per difendermi
Né caschi per nascondermi o santi a cui rivolgermi
Ho solo questa lingua in bocca e se mi tagli pure questa
Io non mi fermo, scusa
Canto pure… a bocca chiusa
Mm… Mm… Mm…
Guarda quanta gente c’è che sa rispondere dopo di me…
A bocca chiusa
Guarda quanta gente c’è che sa rispondere dopo di me…
A bocca chiusa
Guarda quanta gente c’è…
A bocca chiusa

SEGUI IL NOSTRO SPECIALE SUL FESTIVAL DI SANREMO 2013

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.