Paul Gray, bassista degli Slipknot, è stato da poco rinvenuto morto in una camera di hotel di Urbandale.
Il membro trentottenne di una delle band nu metal più famose al mondo, il cui nome all’anagrafe era Paul Dedrick Gray, fu uno dei fondatori del gruppo dello Iowa insieme a Joey Jordison, Anders Colsefini e Shawn Crahan. Nativo di Los Angeles si era trasferito anni fa definitivamente a Des Moines, quartier generale degli Slipknot.

Come classico della band anche egli indossava sempre una maschera, per anni raffigurante un maiale ed ultimamente invece ispirata al serial killer Hannibal Lecter, mentre il suo numero distintivo, altro elemento tipico degli Slipknot, era il 2.

Le cause della morte sono ancora incerte, l’orario del decesso è indicato approssimativamente intorno alle 10.50 da uno degli impiegati dell’albergo dove alloggiava.  Di certo non è mistero l’uso di droghe da parte del bassista, infatti Paul Gray fu anche arrestato per guida sotto effetto di stupefacenti.

Paul Gray oltre al gruppo e ad una schiera di fan del metal, lascia la moglie, in attesa da Dicembre del loro primo figlio.

Salutiamo Paul Gray e ricordiamolo in questo modo, con due video, una promo di MTV ed il brano “Before I Forget” degli Slipknot.

1 commento

  1. perche doveva fare uso di drogne mi dispiace tanto lo. capisco perche purtroppo anche io sono caduto in quel tunnel. senza uscita. e grazzie a daltre persone ce lo fatta. spero che tutti i ragazzi come me riescono ad uscirsene perche purtroppo in quella strada ci sono solo due vincoli o la morte o la salvezza e sporo che. a molti sceglieranno la 2 strada che e la migliore ciao a tutti da antony

Rispondi