Un Paese intero ieri, 02 Settembre 2013, si è sintonizzato su Rai 1 per vedere in prima serata “In questa notte fantastica”, registrazione dei concerti che Lorenzo Cherubini, alias il Jovanotti Nazionale, ha tenuto questa estate negli stadi di tutta Italia. Dati di ascolto e share confermano il successo di un’iniziativa preziosa, grazie alla quale la Musica, la buona Musica nostrana, così tanto deprecata a favore di fenomeni più o meno sopravvalutati provenienti dall’altro capo del mondo, è entrata nelle case di milioni di telespettatori. Dati ed analisi, quelli dell’Auditel, che confermano il successo che fin dai primi minuti di messa in onda era possibile già osservare sui social network, luoghi virtuali in cui l’atmosfera, la gioia e i balli delle persone si sono ritrovati come in uno stadio 2.0.

Due ore di pure godimento e di pura gioia sono quelle che la rete televisiva nazionale ha regalato grazie a questo speciale racconto del “Backup Tour 2013 – Lorenzo negli stadi” e grazie, ovviamente, a lui, Jovanotti. Due ore in cui si sono alternati momenti di pura commozione, vedasi lo spazio intimista, così dire, regalato da “Le tasche piene di sassi” e “La terra degli uomini”, ma anche il gran finale con “A te”, a esaltazione sfrenata di danze e cori con “L’ombelico del mondo” e “Penso Positivo”.

Back up Tour - Lorenzo negli stadi 2013 | © Mimmo Lamacchia
Back up Tour – Lorenzo negli stadi 2013 | © Mimmo Lamacchia

Ad alternarsi con i brani degli album più recenti, “Backup – Lorenzo 1987-2012” piuttosto che “Safari”, molte canzoni storiche del cantautore toscano, le immancabili, si potrebbe dire, quelle che tutti i fan non possono smettere di ascoltare a distanza anche di decenni. Ed ecco che arrivano la magica “Gente della notte” o “Serenata Rap”, con cui tutti noi abbiamo imparato un pezzetto di Divina Commedia, ma anche “Ragazzo Fortunato” e “Bella”.

Che Jovanotti fosse uno degli artisti più amati in Italia, è notizia già nota da tempo, lo avevano confermato i sold out dei concerti che proprio ieri sera sono stati mandati in onda sulla Rai. Ma che potesse replicare il successo con il pubblico da casa, forse non tutti se lo aspettavano. Invece poco meno di 3 milioni di persone (per esattezza, 2946000) hanno tenuto le loro televisioni accese su di lui, ottenendo uno share del 13.08%. Un riscontro assolutamente positivo, se si considera il periodo dell’anno, un lunedì di inizio Settembre, e la tipologia di show.

Perché Lorenzo, con la sua spensieratezza, con la sua profondità, con il suo calore umano, è cresciuto con noi e una buona parte d’Italia è cresciuta con lui, il legame che ha instaurato con i suoi fan va ben oltre il “mi piacciono le sue canzoni”. E questo è il vero unico successo.

1 commento

  1. COn tutto il rispetto per Jova ma l’ascolto è stato deludente.
    Un evento stimato e venduto a 6.000.000 di telespettori che ha fatto meno della metà di quanto previsto!
    Hanno fatto meglio Amoroso, Pausini, ect…

Rispondi