Torna per la terza volta al Festival di Sanremo Malika Ayane e questa volta potrebbe essere quella giusta, la sua vittoria infatti è indicata da molti addetti ai lavori come la più probabile, tanto che anche la Snai la indica come regina della 63° edizione del Festival. In gara con due brani entrambi scritti per lei da Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, “Niente” e “E se poi”.
Malika voleva un testo che le fosse cucino addosso e Giuliano ha composto “Niente“, un brano poetico e intenso con un crescendo che porta al trionfo finale. Così la cantante spiega la nascita di questo brano:
Già da tempo, ma specialmente in questo momento, sono concentrata, quasi ossessionata, sul raccontare i sentimenti in prima persona. “Niente” parla proprio di questo, quando si è legati, anche in modo molto forte, a qualcuno ma si è già capito, e deciso, che non si potrà andare avanti e che bisogna tagliare. Giuliano mi ha mandato un’incisione solo piano e voce avvisandomi: “Stai attenta, ti farà piangere”. Io l’ho ascoltata, l’ho rifatta con chitarra e voce e gliel’ho rimandata e lui dopo averla ascoltata mi ha risposto: “Adesso sei tu che hai fatto piangere me“.

Niente

(di G. Sangiorgi)

Cos’ho?
Ho dei tagli sul viso
S’, ma io cos’ho?
Che se sanguino rido
E mi sciolgo un po’
Tanto non sento niente
Parlo con te
Sempre
Anche se tu sei
Assente
E quelli non dicono
Niente
Solo un silenzio
Assordante
Muoio con te
Sempre
Quelli che parlano, parlano, parlano ancora
E non resta più niente
Proprio niente
Del cielo che abbiamo perso
Rubandoci i pezzi più neri
Più neri del nero
E ora più niente
C’è una stella cadente
Ma era l’ultima già
E schiantandosi precipita
Sulla mia pelle
Lascia un pozzo infinito
Dove tutto è finito
Per sempre finito
Nel fondo più fondo
Della libertà
Io non ho, non ho, non ho…
L’obbedienza
Di chi è sparito
Già da un po’
Se dipingi un paradiso
Io lo distruggerò
Così tanto per niente
Parto da te
Per tornare a essere
Niente
Finisco a te
Sempre
Analizzando la gente
Non ha più senso quel niente
Quelli che parlano, parlano e ancora poi parlano
E non resta più niente
Proprio niente
Del senso che abbiamo perso
Nei gesti di un altro

SEGUI IL NOSTRO SPECIALE SUL FESTIVAL DI SANREMO 2013

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.