Si è svolta il 26 Ottobre scorso la semifinale nazionale per il centro/sud del contest “Musica contro le mafie” all’Auditorium Guarasci di Cosenza. La serata di musica, ma anche di spettacolo, curata e diretta dalla MKRecords in collaborazione con la provincia di Cosenza, è stata una serata di riflessione su memoria, denuncia, giustizia sociale, resistenza e libertà.
Condotta da Cesko e Combass degli Apres la Classe, fin da subito al proprio agio nelle vesti di conduttori d’eccezione, sono stati i due mattatori della serata con le loro battute, l’energia e la partecipazione e competenza delle tematiche affrontate.

Francesco e Valerio (Alias Cesko e Combass) hanno condotto la serata annunciando e guidando il pubblico in un piacevole e leggero viaggio di oltre due ore tra impegno antimafia e legalità.

Musica Contro Le Mafie a Cosenza
Musica Contro Le Mafie a Cosenza

Grandi protagosti dell’evento erano i sei semifinalisti che si sono avvicendati sul palco: il cantautore partenopeo Lino Davide e Viamedina ha cantato “Primmavera”; il rapper Maurizio Albanese che ha ospitato nel suo live set Mad Simon dei Kalafro, con i suoi “un Milione di Eroi”; i Pugliesi Cambio di Rotta con “Bugiardo”; il cantauote Gill canta “la Trattativa”; gli ORiginal Sicilian Style con il loro reggea a colpi di speciali “Mitra e Pallottole” e infine la band siciliana de I Pupi di Surfaro e il loro “Cantu d’Amuri”. Le esibizioni dei sei semifinalisti sono state accompagnate dagli ospiti d’onore Federico Cimini e Mario Venuti con ques’ultimo a cui è stato affidato il compito di chiusura della serata.

Gennaro de Rosa coordinatore nazionale di “Musica contro le mafie” esprime la sua soddisfazione – “…siamo davvero felici di essere riusciti a condensare in una sola serata per la seconda volta impegno, denuncia e memoria dando un taglio leggero ma non superficiale, profondo e allo stesso tempo ironico; è grazie agli artisti semifinalisti e alla sensibilità degli ospiti e che è stato possibile tutto questo…” – continua dicendo – “…E’ importante vedere tanti artisti uniti, ancora, sotto la “bandiera” della lotta alle mafie e nella diffusione della cultura della legalità. Il numeroso pubblico si è dimostrato pronto a condividere questa nostra iniziativa. L’appuntamento è al prossimo anno per il Premio 2014, che contiamo di rivoluzionare e rinnovare ancora e a tutti gli altri appuntamenti che ci saranno fino ad allora.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.