Peter Gabriel

Peter Gabriel ritorna sulle scene musicali con un nuovo lavoro dal titolo “Scratch My Back”. Si tratta di un album di cover scelte fra i brani dei più grandi artisti pop e rock.

Contrariamente a quanto ci aveva abituati Gabriel, l’album, prodotto da Bob Ezrin, sarà completamente acustico con la presenza di strumenti orchestrali.

La collaborazione tra l’ex Genesis e gli artisti che sono stati “coverizzati” potrebbe continuare. Sembra infatti che gli stessi artisti in un futuro potrebbero lavorare a delle cover su famosi brani di Peter Gabriel.

Questa la tracklist di Peter Gabriel “Scratch My Back” di Peter Gabriel

  • Heroes (David Bowie)
  • Street Spirit (Radiohead)
  • The Book of Love (Magnetic Fields)
  • Flume (Bon Iver)
  • My Body Is a Cage (Arcade Fire)
  • Listening Wind (Talking Heads)
  • I Think It’s Going to Rain Today (Randy Newman)
  • Après Moi (Regina Spektor or Eartha Kitt)
  • Waterloo Sunset (The Kinks)
  • The Boy in the Bubble (Paul Simon)
  • The Power of the Heart (Lou Reed)
  • Philadelphia (Neil Young)
  • Mirrorball (Elbow)

2 Commenti

  1. […] “Scratch my back”, una delle novità più attese dell’anno musicale. A proporlo è uno dei più grandi cantanti e musicisti che per la sua poliedricità è riuscito ad imporsi nel panorama  musicale di tutti i tempi, ossia Peter Gabriel. Abbandonati i titoli di album monosillabi ( Up, So), l’ex leader dei Genesis, ha ceduto alla tentazione del rifacimento di brani altrui tanto che in questo album si propone di reinterpretare successi di altri grandi della musica, ad esempio Lou Reed, Talking Heads ed i Radiohead. In uscita il prossimo 25 gennaio, “Scratch my back” ha una particolarità (caratteristica a cui Peter Gabriel ha abituato i suoi fan nel corso della sua lunga carriera): le canzoni sono accompagnate da strumenti orchestrali e voce ma senza chitarre e batteria. Altra particolarità, l’album rappresenta la fase iniziale di un progetto di scambio che vedrà partecipi proprio gli artisti di cui Peter Gabriel ha deciso di interpretare i brani; nella seconda fase saranno questi a riprodurre le sue canzoni. Il primo singolo estratto è “The book of love”, giudicata come una delle canzoni più romantiche della stagione. L’album uscirà con etichetta della Virgin e vede la collaborazione del produttore Bob Ezrin, noto per “The Wall” dei Pink Floyd. Insomma, per chi lo ha amato da quando era nei Genesis, o chi ha apprezzato il suo tentativo di provare e riuscire ad emergere, attenderà volentieri il 25 gennaio, data in cui uscirà l’album dopo otto anni dall’uscita di Up. (mp) […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.