E dopo le polemiche scatenate da Luxuria per la vittoria  del Premio Mogol 2009 di “Luca era gay“, era giusto che anche Povia dicessa la sua al riguardo.
Per il momento non replica a Luxuria, ma si leva qualche sassolino dalla scarpa con i giornalisti:
Un riconoscimento bellissimo. Non me l’aspettavo dal migliore autore italiano. Mogol è stato uno dei pochi che ha capito la buona fede del pezzo. Un premio che va a sfavore dei giornalisti italiani, che mi hanno massacrato come killer. Adesso sto scrivendo un brano su Eluana Englaro che vorrei presentare a Sanremo“.
Pezzo che sicuramente, per la sua tematica, sarà destinato ad alimentare un altro vespaio di polemiche.

A questo punto verrebbe da chiedersi se Povia tratti temi così delicati per attirare l’ interesse dei Media o per “reale sentimento” verso tali tematiche.

Rispondi