Sembra così lontana l’estate eppure già sono aperti i cantieri per costruire gli eventi e i festival per il 2014. Anche il rinomato Ravello Festival sta gettando le basi per un evento di qualità.
L’edizione 2014 de Ravello Festival si svolgerà dal 21 giugno al 13 settembre, uno dei più rinomati appuntamenti con la musica sinfonica e da camera, il pop e il jazz, senza contare le mostre d’arte e gli “incontri di parola”: un’offerta culturale articolata ed internazionale che ogni anno richiama appassionati da tutto il mondo nella splendida cittadina di Ravello (Salerno), nel cuore della costiera amalfitana.

Il 21 Giugno si darà il via con l’inaugurazione dell’evento che nel trentennale della morte di Edoardo De Filippo omaggia l’indimenticato artista campano. L’omaggio a Edoardo De Filippo prevede uno spettacolo sulle sue canzoni e sulle musiche legate alle sue commedie commissionato dal Festival ed affidato a Danilo Rea ed Isa Danieli, che lo presenteranno per la prima volta in esclusiva a Ravello.

Ravello Festival
Ravello Festival 2014

Come ogni anno il programma del festival prevede la presenza di artisti ed ensemble di calibro internazionale. Queste le orchestre già confermate che si esibiranno al Ravello Festival 2014: la London Symphony Orchestra diretta per la prima volta a Ravello da Daniel Harding, l’Orchestra Giovanile Italiana insieme al trombettista Marco Pierobon, l’Orchestra del Teatro Regio di Torino diretta per la prima volta a Ravello da Gianandrea Noseda, La Orchestre National de France diretta per la prima volta a Ravello da Daniele Gatti e l’Orchestra del Teatro di San Carlo.
Per quanto riguarda il jazz, si annunciano le presenze, tra i tanti, di Chick Corea & Stanley Clarke, Branford Marsalis, Jean-Luc Ponty.

L’elegante Belvedere di Villa Rufolo farà da cornice alla maggior parte degli eventi, diventando il punto di riferimento privilegiato del Ravello Festival, che si avvarrà anche dell’affascinante Sala dei Cavalieri, nei giardini della Villa amati da Wagner, per gli spettacoli più raccolti e i concerti cameristici, e dell’Auditorium Niemeyer, per poche occasioni di spicco.

 

Rispondi