Robin Gibb , il cantante e leader dei Bee Gees, è in coma e sembra che potrebbe avere ancora solo pochi giorni di vita. La notizia è arrivata poche ore fa dal famoso tabloid britannico, The Sun. L’artista ha sessantaduenne, da diversi anni ormai, sta lottando contro un cancro al colon che, quando è stato scoperto, prima dell’operazione, si era già esteso al fegato. Inoltre, le condizioni di salute di Robin, nelle ultime ore, come è stato scritto anche sul suo sito, si sono aggravate moltissimo a causa di una polmonite che lo ha colpito e che lo ha indebolito maggiormente.

Il leader dei Bee Gees adesso si trova in una clinica privata di Londra vicino alla sua famiglia: la moglie Dwina, il fratello Barry, i figli Spencer, Melissa e Robin John e ai suoi amici. Oltre alla notizia drammatica, però, il tabloid The Sun ha pubblicato anche le dichiarazioni di un caro amico di famiglia, che, durante una piccola intervista, ha rilasciato queste parole:

“Le nostre preghiere sono con Robin, lui è sempre stato ottimista ed era convinto di potere sconfiggere il cancro. Purtroppo, la polmonite ha aggravato le sue condizioni. Anche il suo sito web ha diffuso la notizia con il seguente messaggio: “Robin ha contratto la polmonite ed è in coma”. Stiamo tutti sperando e pregando”.

Robin Gibb dei Bee Gees | © TOBIAS SCHWARZ/AFP/Getty Images

Ma non solo gli amici e i parenti più stretti stanno pregando per lui, infatti, in queste ore, tutti i fan dei Bee Gees e coloro che amano la musica lo stanno facendo. Sui Social Network, soprattutto Facebook e Twitter, infatti, sono tanti i messaggi di incredulità e di sostegno sia al cantante che ai suoi cari.
Pensate che nel 2003 Robin aveva perso il fratello gemello Maurice proprio a causa dello stesso tumore (gli fu fatale una metastasi intestinale) e che addirittura i medici, in passato, non avevano mai escluso che questa stessa patologia avrebbe potuto colpire anche Robin. Era proprio destino.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.