Il 6 maggio alle 18.00 il cantautore Ron sarà protagonista di una diretta Facebook sul profilo di AISLA, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica.

Appuntamento con i fan e per di più per una giusta causa: un’esibizione con chitarra acustica, che ripercorre la carriera di Ron, tra musica, aneddoti e storie. Da tempo Ron è testimonial di AISLA, il cantautore si è sempre dimostrato sensibile ai temi legati alle persone colpite da questa malattia.

La diretta Facebook si terrà mercoledì 6 maggio alle 18 e sarà incentrata proprio sulla musica. In queste difficili settimane di lockdown, la musica è stata protagonista indiscussa, basti pensare alle immagini delle persone che cantano sui balconi, che hanno fatto il giro del mondo. Ron ha dichiarato: “La musica riesce spesso a raggiungere la bellezza e la forza che solo il silenzio può dare”. Il tema verrà poi sviluppato in occasione della diretta, alla quale prenderanno parte anche Massimo Mauro, presidente di Aisla, Alberto Fontana, presidente dei Centri Clinici Nemo, Gianluca Vita, direttore clinico del NeMO SUD e Stefania Pedroni psicologa del NeMO di Milano e vicepresidente di UILDM.



L’iniziativa #distrattimavicini

Giocando sulla frase più usata in questo periodo, distanti ma vicini, l’iniziativa prende il nome di #distrattimavicini. Nelle scorse settimane ha visto coinvolti altri volti noti, da Neri Marcorè a Le Coliche. L’iniziativa si inserisce nella campagna promossa da AISLA, Famiglie SMA e UILDM, Unione Lotta alla Distrofia Muscolare. L’obiettivo è quello di sostenere i Centri Clinici NeMO, specializzati nell’assistenza delle persone con malattie neuromuscolari, impegnati anche in questo delicatissimo periodo a proseguire il loro prezioso lavoro di cura, proteggendo la comunità delle persone con malattie neuromuscolari dal contagio del Coronavirus. La diretta sarà visibile dalle 18 sulla pagina Facebook dell’Associazione.

L’importanza della raccolta fondi

La raccolta fondi è nata per supportare i Centri Clinici NeMO di Milano, Roma, Arenzano e Messina, specializzati nella cura delle persone affette da malattie neuromuscolari, nelle difficoltà quotidiane legate all’emergenza Covid-19. L’obiettivo è continuare a dotare i reparti di sistemi di protezione individuale adeguati e potenziare i servizi per la presa in carico a distanza, fondamentali per chi vive una patologia neurodegenerativa ad alta complessità assistenziale. Nelle prime cinque settimane sono stati raccolti oltre 175mila euro, donate 30mila mascherine chirurgiche, effettuati più di 1200 consulti clinici e interventi di assistenza a distanza.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.