Suona anni Ottanta, ma per essere uscito nel 1982 “Come on Eileen” si distingue per i suoni dell’epoca.

Si tratta di uno dei più grandi successi di quel decennio e porta la firma dei Dexys Midnight Runners fondati da Kevin Rowland. Nel corso degli anni la band ha subito moltissimi cambiamenti e l’unico membro fisso è stato proprio Rowland, autore del brano insieme a Jim Paterson e Billy Adams.

Come on Eileen” fece il suo debutto nel Regno Unito nel giugno del 1982 come singolo estratto da “Too-Rye-Ay“. Il successo non si fece aspettare e il pezzo conquistò presto gli USA, aggiudicandosi la prima posizione. Con questo brano i Dexys Midgnight Runners riuscirono a scalare le classifiche battendo perfino un mostro sacro come Michael Jackson con un brano del calibro di “Billie Jean” e gli impedirono di essere ai vertici della classifica con due brani contemporaneamente. Nel Regno Unito “Come on Eileen” è rimasto il singolo che nel 1982 ha venduto di più. All’inizio della canzone viene menzionato  “poor old Johnnie Ray”, il celebre artista americano ha spopolato negli anni ’50. Ray era parzialmente sordo dall’infanzia ma dichiarò che il suo problema aveva fatto la sua fortuna e aveva cambiato il suo modo di rapportarsi con gli altri. Nel video dei Dexys Midnight Runners ci sono delle immagini di Johnnie Ray che arriva all’aeroporto Heathrow di Londra nel 1954.

La storia vera di Eileen

Kevin Rowland, raccontando la genesi della canzone, ha dichiarato che è basata su una storia vera, che riguarda la sua adolescenza. Cresciuto con un’educazione cattolica, Rowland era anche un chierichetto e a quel tempo per lui la sessualità era un tabù. Eileen è una ragazzina di cui si era innamorato a 13 anni, con la quale ebbe rapporti uno o due anni dopo. Quando ha scritto il brano, il cantante ha ripensato al tabù e al modo in cui allora provasse attrazione pur sentendo il richiamo come una cosa sporca, così come gli era stato insegnato. Con “Come on EileenKevin Rowland ha espresso il desiderio di un ragazzo adolescente di lasciarsi andare e vivere la propria relazione a 360°, senza farsi incatenare da imposizioni bigotte.

Il famoso video di “Come on Eileen“, che mostra il gruppo in versione un po’ hillbilly, ha come protagonista Maire Fahey nei panni di Eileen. È stato girato nella zona a sud di Londra, a Kennington, all’angolo tra Brook Drive e Hayles Street.

Per quanto riguarda Rowland, è evidente, non rimase legato al mondo della chiesa e si è dato alla musica, con alti e bassi. I Dexys Midnight Runners sono stati fondati nel 1978, il nome del gruppo deriva dalla dexedrina, una sostanza stimolante nota appunto come “Dexys” (spesso il nome viene scritto erroneamente come “Dexy’s”). Tuttavia il gruppo decise di allontanarsi da alcol e droghe, in modo che non interferissero con la loro musica. Poco dopo il successo dell’album contenente questo brano, la band iniziò a subire i primi cambiamenti. Come già detto, di tutti i membri originari è rimasto solo Rowland, che ha tentato sia la strada da solista che quella della reunion, molti anni dopo. Uno dei motivi principali dell’instabilità del gruppo pare fosse proprio il frontman. Il chitarrista Kevin “Al” Archer ha lasciato i Dexys Midnight Runners dopo il primo album e nel 2009 ha raccontato che Kevin li comandava con il pugno di ferro e non parlava mai direttamente con loro: dopo ogni esibizione ce ne andavamo in una stanza e quello diventava il momento “odia Kevin Rowland”. Suscettibile, freddo e distaccato, Rowland era determinato a raggiungere il successo e adottò una strategia particolare per riuscirci. Prima di Eileen uscirono quattro singoli che non si rivelarono soddisfacenti, così il frontman decise di congelare i rapporti con la stampa britannica. Decise di occuparsi direttamente della comunicazione, di non promuovere i brani rilasciando interviste e dichiarazioni. Rowland optò così per un’altra soluzione: acquistare intere pagine di riviste musicali in cui spiegava il nuovo album e il motivo per cui il gruppo aveva scelto di non parlarne alla stampa. Il cantante si riservò di rilasciare poche interviste ma rifiutando di rispondere alle domande che non gli stavano bene. Il suo pessimo carattere all’epoca fece la sua fortuna, perché segnò il successo del brano-simbolo dei Dexys Midnight Runners.

Photo by Marko Pekić

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.