News mulve280

Pubblicato il settembre 29th, 2010 | da Vittoria Borgese

0

Mulve, nuovo software per il download di musica spaventa la RIAA

Di sicuro gli ideatori del software  non immaginavano l’enorme successo del loro prodotto, tanto che a poche ore dalla diffusione, sono stati costretti a ricorrere ad un server più potente per far fronte alle richieste: così è nato Mulve.

Si tratta di un programma  che consente di scaricare musica gratuitamente scegliendo i file da un archivio  che conta 10milioni di brani. Il software creato  da due musicisti che si sono messi in testa  di rivoluzionare le modalità di circolazione della musica online, ha  dimensioni ridotte ( uno spazio di 2 Mb), non necessita installazione, ha   un’interfaccia grafica piuttosto scarna, ma intuitiva e facile da usare: accanto ai brani che vengono mostrati in elenco con le indicazioni di base ( titolo, bit rate, lunghezza e peso) è presente una barra in cui inserire il nome dell’artista o della canzone desiderati, accanto ad essa il tasto “save” che permette di scaricare il file; la velocita di trasferimento è apprezzabile, si parla di centinaia di Kbyte/s.

In Italia, mancano due opzioni legali del software: il servizio di condivisione in streaming Spotify (disponibile solo in Svezia, Norvegia, Finlandia, Regno Unito, Francia, Spagna e Paesi Bassi), il cui utilizzo è libero, perché le canzoni sono intervallate da interruzioni pubblicitarie i cui proventi  servono a  pagare i diritti delle major con cui sono stati stretti accordi di licenza; e il Grooveshark, una sorta di juke box online, retto anch’esso dalla pubblicità.

A differenza di altri programmi simili che funzionano trasferendo file da un computer ad un altro attraverso Internet, Mulve non è un file-sharing, perciò non costringe l’utente a condividere propri file, diminuendo così il rischio di scaricare file infetti ma allo stesso tempo privando Mulve di quella parvenza di legalità che gli altri programmi hanno. Infatti in quasi tutti i programmi per il file sharing oggi in circolazione, è riportato nel contratto di licenza che l’utilizzo è vietato per la divulgazione di file coperti dal Copyright: quindi il programma è creato e distribuito nella piena legalità e le eventuali violazioni del copyright ricadono sugli utenti.

In  Mulve  mancando la condivisione di file, manca anche quella parvenza di  giustificazione,  per cui chi usa Mulve per scaricare materiale protetto dal diritto d’autore compie un’azione illegale. I gestori del sito avevano assicurato che sia i server che i database erano “al sicuro” in località ignote ma  gli avvocati della RIAA (Recording Industry Association of America), che combatte la pirateria,  sono riusciti a scoprire che una parte del sito era ospitata da un provider americano (HostGator),  ottenendo, attraverso l’attuazione di una legge USA che rende illegali “la produzione e la divulgazione di tecnologie, strumenti o servizi che possano essere usati per aggirare le misure di accesso ai lavori protetti dal copyright“, di mettere offline il sito.

I creatori non hanno comunicato la data in cui ritorneranno a fornire l’applicativo e intanto è gia stata divulgata una versione   Open Source il cui nome è Pirate che promette  la stessa semplicità e interfaccia utente di Mulve.

Tags: , , , , , , , , , , ,


Informazioni sull'Autore

Spirito pratico e razionale, ama la musica in tutte le sue forme come strada per lasciarsi andare alle emozioni. Condivisione e lavoro di squadra sono le sue parole d'ordine; Lenny Kravitz e Francesco De Gregori il suo debole.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Torna in alto ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi