Altra disavventura per Amy Winehouse. Dopo i disastri musicali degli ultimi tempi, il più recente dei quali l’ha vista protagonista sul palco di Belgrado di un concerto a dir poco pietoso, a seguito del quale è stata costretta ad annullare il suo tour, la cantante è alle prese con un attacco da parte di un gruppo di hacker. Il sito internet ufficiale di  Amy Winehouse ha infatti subito un attacco da parte di un gruppo di pirati informatici, che sotto il nome di  SwagSec diminutivo di Swagger Security, da stamattina sono  riusciti ad entrare nel sito che è completamente fuori uso.

Amy Winehouse | © Carlos Alvarez/Getty Images
I pirati informatici hanno sabotato il sito, forzandone  la sicurezza, inserendo sulla prima pagina un messaggio che conteneva tra l’altro una serie di imprecazioni contro la cantante londinese. Una schermata lampeggiante con un messaggio offensivo rivolto alla cantante che viene definita “white devil”. “Winehouse = No Swag|Antisec= No Swag. We Swag“, e ancora,”We are here to take back the Internet from the white devil. We are a team of homosexual Negroes and proud of it. Swagggg“, che suona un pò come “siamo qui per riprenderci internet dal diavolo bianco. Siamo una squadra di neri omosessuali e orgogliosi di esserlo“: sono su questi toni i messaggi postati dagli hacker, che hanno fatto apparire sul sito l’immagine del rapper Lil B in quale ha pubblicato da poco un album intitolato “I’m Gay (I’m Happy)“. Ancora adesso SwagSec  mantiene il controllo di AmyWinehouse.com, sito che dovrà essere completamente ristrutturato e che per ora rimanda alla pagina facebook della Winehouse.  

Rispondi