La XIII edizione del Locus Festival si è aperta il 9 luglio 2017 nella splendida location della Masseria Mavù con il live di Bonobo.

L’artista britannico, reduce dalla data all’Auditorium Parco della Musica è tornato in Italia per le due date estive di Roma e Locorotondo, dopo i sold out invernali a promozione di “Migration“, fortunatissimo ultimo album.

L’atmosfera è magica, la Masseria Mavù avvolta da un tramonto spettacolare, mostra il profilo di una terra splendida: le luci, i trulli e tutti i fan accorsi per il concerto vengono accolti da una luna piena meravigliosa. Ad anticipare Bonobo sul palco arriva LIM, progetto solista di Sofia Gallotti degli Iori’s Eyes, dal carattere fortemente internazionale. Dalle atmosfere sognanti al sound “intelligente” di Simon Green il passo è breve, così il palco accoglie Bonobo e tutta la sua band.

Si inizia con il brano d’esordio omonimo del disco “Migration” che serve a dare il la ad un live ricco di momenti rilassati e fluttuanti, resi tali dalla dolcezza di Szjerdene, fedele accompagnatrice, cantante straordinaria e presenza fissa sui palchi live di Bonobo. Ad interrompere i brani più tranquilli sono le pause più energiche, quelle che vanno a fondo nel repertorio musicale dell’artista britannico in album come “The North Borders” e “Black Sands“,  e che nonostante possano apparire discostate da quanto prodotto ultimamente, si amalgamano perfettamente ai brani più pensati e curati di “Migration“.

Il sound di Bonobo è la perfetta colonna sonora di una serata di piena estate, trascorsa sotto un cielo stellato tra balle di fieno, il profumo dei campi e una folla impaziente di accennare passi di danza su un brano come “We Could Forever” estratto da Black Sands. Il concerto ha una giusta durata, è ben equilibrato, mostra tutti i lati dell’eclettico Bonobo, dai momenti danzerecci a quelli più soft, apprezzati maggiormente da Simon Green perché rappresentano dei viaggi compositivi molto profondi e pensati nel minimo dettaglio. Tranquillo, perfetto e magico sono i tre aggettivi adatti al live di Bonobo, artista di grande rilievo internazionale e apprezzato anche da un pubblico di grandi esigenti.

Il Locus Festival ha guadagnato un posto di grande rilievo tra i festival italiani, oltre la curata scelta degli artisti di caratura internazionale, si propone come alternativa culturale alla scoperta di uno dei luoghi più belli e magici d’Italia come la Valle d’Itria. Il Locus Festival andrà in scena per buona parte dell’estate, e se non avete avuto modo di prendere parte al live di Bonobo consigliamo vivamente di recuperare con il ricco calendario consultabile su www.locusfestival.it

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi