Ancora scossi per la notizia della morte di Dolores O’Riordan, cantante dei The Cranberries, e tutti gli appassionati di musica si chiedono le cause che hanno portato al tragico epilogo.
La cantante, che si trovava a Londra per una sessione di registrazione, è stata trovata priva di vita all’hotel Hilton della capitale inglese nella mattinata di ieri, 15 gennaio. Anche se fonti vicine alla famiglia fanno sapere che nelle ultime settimane Dolores “era molto depressa” perché soffriva di un atroce mal di schiena che l’aveva costretta a cancellare i concerti per gran parte del 2017, Scotland Yard nega che si tratti di una “morte sospetta”.

Lo scorso anno la cantante aveva svelato, in un’intervista, di aver avuto seri problemi di salute mentale che sono sfociati nell’abuso di alcol e con un tentato suicidio nel 2013. Nella sua breve vita infatti ha attraversato mille tempeste. Fin da bambina, quando un terribile incidente autostradale aveva compromesso le attività cerebrali del padre. Nell’intervista Dolores confidava anche di aver subito dagli 8 ai 12 anni ad abusi sessuali da parte di una persona molto vicina all’ambiente familiare. Infine nel 2015 la scoperta di dover convivere con un disturbo bipolare e difficoltà di tipo alimentari, in particolare di anoressia.

Dolores O’ Riordan lascia 3 figli di 20, 17 e 12 anni, avuti dal suo storico amore ed ex marito Don Burton, già produttore dei Duran Duran.

Da quando è stata diramata la notizia della morte della frontwoman dei The Cranberries, sui social milioni di persone si uniscono al cordoglio della famiglia. Tra loro anche molti amici e colleghi della cantante.

Tra i milioni di tweet di tributo quello dei dublinesi U2: “Siamo distrutti ma ovviamente il pensiero è alla famigliaDall’Occidente sorgeva la tempesta della sua voce, lei possedeva questa forza che ti catturava, ma sapeva parlare alla fragilità di tutti noi. Firmato Bono, The Edge, Adam, Larry“.

In Italia l’omaggio più toccante è quello di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro che proprio con Dolores O’ Riordan ha duettato in “Senza fiato”, brano colonna sonora del film “Cemento armato”.

Rispondi