Qualcosa si è mosso, gli utenti che nelle scorse ore si sono lamentati della pessima organizzazione del Firenze Rocks hanno iniziato a segnalare le risposte da parte di TicketOne e Le nozze di Figaro.

Al momento non sono previsti rimborsi parziali ma totali, per chi dovesse decidere di non partecipare più ai concerti del 24 giugno dopo il cambio della lineup. Dopo la protesta di numerose persone stanno arrivando le prime risposte ufficiali, come riportano alcune testimonianze, il succo della risposta è, come previsto, questo:

L’organizzatore informa che trattandosi di un Festival, e che l’headliner Eddie Vedder si esibirà regolarmente, non sono previsti rimborsi. In via del tutto eccezionale l’organizzatore le concederà comunque di ottenere il rimborso rispondendo alla presente mail entro domani 23 giugno 2017 alle ore 14:00 esprimendo la sua volontà di non partecipare all’evento.

Ricordiamo, tuttavia, che nel 2011 l’Antitrust deliberò una sanzione di 100.000 € a Indipendente eventi e produzioni in occasione delle edizioni 2009 e 2010 dell’Indipendent Festival day proprio perché aveva puntato pubblicizzare il festival facendo leva sugli ospiti che ci sarebbero stati e non ha previsto rimborsi quando i gruppi non hanno partecipato:

L’Agcm afferma che non è sufficiente parlare di Festival, come sostenuto dalla società, per giustificare il mancato rimborso del biglietto in caso di forfait di una delle band, tenuto conto proprio dell’enfasi data nei messaggi pubblicitari alla partecipazione dei principali gruppi in programma (e che hanno perciò una maggiore capacità attrattiva nei confronti delle persone interessate al concerto).

Il caso calza a pennello con quello del Firenze Rocks ma per il momento gli organizzatori hanno deciso di scegliere la strategia a loro più conveniente, ancora una volta a discapito dei fan che hanno avuto la pessima idea di fidarsi. Proprio per la delusione di questi giorni, arrivata al culmine con questo aut aut, molte persone stanno dicendo di voler rinunciare del tutto al concerto.

Come chiedere il rimborso

Chi vuole chiedere il rimborso del biglietto dovrà contattare l’organizzatore entro il 23 giugno 2017 (ore 14) dichiarando di non voler partecipare all’evento in modo tale che il suo biglietto finisca nella black list e non abbia più alcuna validità.

Chi ha acquistato sul sito, tramite call center o su TicketOne riceverà il rimborso con diritti di prevendita inclusi, escluse invece commissioni di servizio e servizio di spedizione già fatturato ed effettuato e/o altri servizi acquistati. In caso di consegna a domicilio, i biglietti vanno rispediti integri entro il 26 giugno a TicketOne S.p.A., Via Vittor Pisani 19, 20214, Milano, C.a. Divisione Commercio Elettronico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.