Dopo avere recentemente cantanto la sigla della nuova versione cinematografica de “I Puffi. Viaggio nella foresta segreta” e dopo essere stata ospite de “I migliori anni”, il programma-revival di Carlo Conti, dove ha cantato un medley delle sue canzoni più note, Cristina D’Avena torna con una nuova canzone, disponibile da oggi su iTunes e sui principali digital store e ascoltabile/scaricabile da oggi sulle principali piattaforme digitali.

Il brano pop-dance si chiama “L’estate migliore che c’è” ed è stato scelto come sigla ufficiale del Pride Village di Padova, che compie dieci anni e che si svolgerà dal 16 Giugno al 9 Settembre alla Fiera di Padova. Simona Ventura e Cristina d’Avena saranno sul palco del Padova Pride Village venerdì 16 giugno.

L’artista bolognese ha curato testo e musica del brano in collaborazione con Andrea Papazzoni e Arianna Mereu ed ha raccontato così il pezzo all’ANSA: “È un pezzo veramente solare, molto positivo, che ti dà felicità, sorriso, forza e coraggio. Mi sono divertita moltissimo sia a cantarlo, perché è molto bello, sia quando l’ho ascoltato nella sua versione definitiva dopo il mixaggio. È una canzone allegra che fa venire in mente immediatamente l’estate e tutti i colori dell’arcobaleno”.

7dde801c50217182195cf28ac717ffcd
L’estate migliore che c’è – Cristina D’Avena

La cantante parla anche di come ormai sia un’icona del mondo gay italiano: “Faccio molti concerti per i gay. Mi vesto da fatina perché loro mi vogliono ancora così. Creamy è un simbolo. Una bambina maschiaccio che con la bacchetta magica si trasforma in prima donna. È l’ideale della trasformazione. Molti di loro sono cresciuti con questa speranza. Quando canto Creamy o Sailor Moon i gay si commuovono.”

Il video del pezzo è stato realizzato da Daniele Sartori, autore e regista di numerosi corti e docufilm e degli spot del “Queer Lion“, premio collaterale della Mostra del Cinema di Venezia. Sartori ha inoltre ha curato eventi di videoarte e realizzato il film tributo a Principe Maurice, icona della vita notturna italiana e del Cocoricò degli anni ’90, presentato in anteprima al Festival di Torino: “Si tratta di un videoclip che procede per accelerazioni visive e contrasti. Primo fra tutti quello tra la dance del brano e il genere metal al quale mi sono ironicamente ispirato per la regia e il look dell’animazione del Padova Pride Village, che compone il cast. Il concept è molto semplice: basta anche una sola, indimenticabile, notte d’estate per rendere unica un’intera stagione della propria vita. Che è ciò che auguro al decimo anno di questa kermesse.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.