Dopo avere recentemente cantanto la sigla della nuova versione cinematografica de “I Puffi. Viaggio nella foresta segreta” e dopo essere stata ospite de “I migliori anni”, il programma-revival di Carlo Conti, dove ha cantato un medley delle sue canzoni più note, Cristina D’Avena torna con una nuova canzone, disponibile da oggi su iTunes e sui principali digital store e ascoltabile/scaricabile da oggi sulle principali piattaforme digitali.

Il brano pop-dance si chiama “L’estate migliore che c’è” ed è stato scelto come sigla ufficiale del Pride Village di Padova, che compie dieci anni e che si svolgerà dal 16 Giugno al 9 Settembre alla Fiera di Padova. Simona Ventura e Cristina d’Avena saranno sul palco del Padova Pride Village venerdì 16 giugno.

L’artista bolognese ha curato testo e musica del brano in collaborazione con Andrea Papazzoni e Arianna Mereu ed ha raccontato così il pezzo all’ANSA: “È un pezzo veramente solare, molto positivo, che ti dà felicità, sorriso, forza e coraggio. Mi sono divertita moltissimo sia a cantarlo, perché è molto bello, sia quando l’ho ascoltato nella sua versione definitiva dopo il mixaggio. È una canzone allegra che fa venire in mente immediatamente l’estate e tutti i colori dell’arcobaleno”.

7dde801c50217182195cf28ac717ffcd
L’estate migliore che c’è – Cristina D’Avena

La cantante parla anche di come ormai sia un’icona del mondo gay italiano: “Faccio molti concerti per i gay. Mi vesto da fatina perché loro mi vogliono ancora così. Creamy è un simbolo. Una bambina maschiaccio che con la bacchetta magica si trasforma in prima donna. È l’ideale della trasformazione. Molti di loro sono cresciuti con questa speranza. Quando canto Creamy o Sailor Moon i gay si commuovono.”

Il video del pezzo è stato realizzato da Daniele Sartori, autore e regista di numerosi corti e docufilm e degli spot del “Queer Lion“, premio collaterale della Mostra del Cinema di Venezia. Sartori ha inoltre ha curato eventi di videoarte e realizzato il film tributo a Principe Maurice, icona della vita notturna italiana e del Cocoricò degli anni ’90, presentato in anteprima al Festival di Torino: “Si tratta di un videoclip che procede per accelerazioni visive e contrasti. Primo fra tutti quello tra la dance del brano e il genere metal al quale mi sono ironicamente ispirato per la regia e il look dell’animazione del Padova Pride Village, che compone il cast. Il concept è molto semplice: basta anche una sola, indimenticabile, notte d’estate per rendere unica un’intera stagione della propria vita. Che è ciò che auguro al decimo anno di questa kermesse.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.