Sono passati più di quarant’anni dalla morte di Anna Maria Cecilia Sophia Kalogeropoulos, meglio conosciuta come Maria Callas, indimenticabile soprano statunitense di origine greca, naturalizzato italiano e successivamente greco, che ha segnato un’epoca della musica classica e non solo.

Dotata di una voce particolare, che coniugava un timbro unico a volume notevole, grande estensione e agilità, la Callas contribuì alla riscoperta del repertorio italiano della prima metà dell’Ottocento (la cosiddetta “belcanto renaissance”), in particolare di Vincenzo Bellini e Gaetano Donizetti (indimenticabili le sue interpretazioni di Norma e Lucia di Lammermoor, guadagnandosi successo artistico e mediatico e l’appellativo di Divina.

Ora è stato presentato il primo sito web ufficiale dedicato a Maria Callas, www.Maria-Callas.com: gestito da Warner Classics con il patrocinio del Maria Callas Estate, la Fondazione degli eredi della Callas, il portale che si divide in quattro sezioni (Life, Look, Voice e Today) ha lo scopo di diffondere e valorizzare il lascito culturale e artistico del grande soprano, rappresentandola sia nel suo status di figura di grande importanza culturale sia per promuovere la scoperta della sua vita e del suo percorso artistico.

Ma il mito della Callas non vive solo sul web: è infatti di recente produzione “L’isola di Medea”, una produzione Karel – Lagunamovies scritta e diretta da Sergio Naitza. Il documentario, un affresco corale con le voci di Ninetto Davoli,  dell’assistente personale di Maria Callas Nadia Stancioff, dei costumisti Piero Tosi e Gabriella Pescucci, del direttore di produzione Fernando Franchi, dell’attore Giuseppe Gentile, dell’attrice Piera Degli Esposti e della scrittrice Dacia Maraini, ricostruisce l’incontro speciale tra Maria Callas e Pier Paolo Pasolini sul set di “Medea” nel 1969 a Grado, attraverso anche i disegni dell’artista Davide Toffolo (frontman dei Tre Allegri Ragazzi Morti) e l’epistolario fra Maria Callas e Pier Paolo Pasolini. Il montaggio del film è di Davide Melis, le musiche sono di Marco Rocca, la distribuzione internazionale è a cura di TVC.

 

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.