La manifestazione tutta pugliese della Notte della Taranta festeggia i 22 anni di attività attraverso una serie di concerti e di spettacoli in programma dal 3 al 24 agosto in una ventina di località del Salento.

La kermesse salentina cresce di anno in anno e per questa edizione sono attesi 350 mila visitatori per 100 ore di live show, con 400 musicisti coinvolti, 53 concerti in cartellone e 14 regioni italiane rappresentate: un numero imponente che vedrà la musica e la danza tradizionale come la taranta e la pizzica a farla da padrone, ma soprattutto a fare rete e a tirare le fila di un progetto che vuole valorizzare la cultura popolare e il patrimonio artistico di una regione.

Il festival, diretto da Luigi Chiriatti, partirà il 3 agosto da Corigliano d’Otranto per poi toccare mete come Galatone, Nardò, Sogliano Cavour, Ugento, Acaya, Cursi, Calimera, Zollino, Cutrofiano, Alessano, Lecce, Torrepaduli, Carpignano Salentino, Galatina, Castrignano de Greci, Soleto, Martignano, Sternatia e Martano, per poi chiudere, come da tradizione, con il concertone del 24 agosto a Melpignano con Elisa e Guè Pequeno, trasmesso in diretta su Rai2 e Rai Radio2.

Così ha presentato la Notte della Taranta il sottosegretario al Mibac, Lucia Borgonzoni: “La Taranta è l’esempio vivo e forte di come le tradizioni possano trovare spazio anche nel racconto alle nuove generazioni, è l’espressione viva della nostra capacità di valorizzare il nostro patrimonio culturale e proprio per questo, insieme alla Fondazione della Notte della Taranta, daremo avvio al percorso di riconoscimento del fenomeno della Taranta e della Pizzica da parte dell’Unesco perché vogliamo che possano entrare a far parte del patrimonio immateriale dell’Umanità”.

Oltre ai concerti e agli spettacoli che caratterizzeranno la kermesse, ci saranno tre incontri speciali con Vittorio Sgarbi (5 agosto a Nardò), Eugenio Finardi (20 agosto a Martignano) e Giovanna Marini (11 agosto a Zollino). E anche workshop, laboratori di tamburello e pizzica, visite guidate, approfondimenti sul pane e i grani duri del Salento, ma soprattutto la possibilità, da parte delle persone diversamente abili, di poter fruire di spiagge e luoghi meravigliosi come la Torre Squillace nella marina di Nardò (Puglia), le Dune di Sovereto a isola Capo Rizzuto (Calabria), l’Oasi dei Variconi a Castelvolturno (Campania) e la Foce Cavone nella marina di Pisticci (Basilicata).

E gli ospiti musicali? È di poche ore fa l’annuncio della presenza di Elisa al concertone finale, ma ci saranno anche altri nomi importanti come Tosca, Pino Ingrosso, Koiné, Mimmo Epifani, Antonio Amato, Officina Zoè, Nidi d’Arac e Peppe Barra. Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito ufficiale della manifestazione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.