Pearl Jam - Artwork di BackspacerBackspacer“, il nono album dei Pearl Jam, si allontana dal classico grunge e dai soliti temi politici del gruppo di Seattle per accostarsi maggiormente all’hard rock e segna il ritorno dopo l’esperienza da solista di Eddie Vedder con “Into The Wild”.

In un’intervista rilasciata a Max, Eddie Vedder ha espresso parole di stime nei confronti del produttore Brendan O’Brien che torna a lavorare con i Pearl Jam a 11 anni da “Yeld”, il cantante, citando il Boss Bruce Springsteen ha dichiarato:

Se Brendan può permettersi di dire al Boss che una canzone gli piace, ma che forse sarebbe meglio tentare una chiave diversa e Bruce è disposto a seguirlo, allora possiamo farlo anche noi

“Backspacer”, il cui titolo non è altro che il nome di una tartaruga marina in via di estinzione adottata dai membri della band, sembra riservare non poche sorprese e presto ne sapremo di più.

3 Commenti

  1. Non condivido l’opinione che Backspacer si allontani dal sound tradizionale dei Pearl Jam. Il Grunge era morto già nel 1994. Semmai Vedder & company hanno ripreso un tipo di sonorità molto vicine a Yield. Hard Rock mi sembra un giudizio un pò azzardato….

  2. Anche a me nn sembra che Backspacer sia troppo lontano dal Grunge. E comunque la grandezza della band sta nel fatto che riesce ad andare oltre le etichette ed i luoghi comuni. I grandi artisti nn sono catalogabili, e il CD è bellissimo!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.