Anche quest’anno è arrivato, con molto anticipo, il consueto regalo natalizio dei Pearl Jam per i propri fan: Eddie Vedder ha realizzato una cover di “Imagine” di John Lennon, disponibile su iTunes, è stato infatti realizzato per i fan membri del club ufficiale dei Pearl Jam (Ten Club). Il brano è quello registrato durante il concerto dello scorso 18 luglio, a Meco, in Portogallo. Il pezzo è già disponibile in download sul sito ufficiale della band mentre una versione fisica del singolo, su 7 pollici, dovrebbe arrivare direttamente a casa degli iscritti al fan club. Il brano, l’abbiamo già riportato, è disponibile (anche per i non iscritti al Ten Club) su iTunes e i proventi delle vendite saranno interamente devolute a Heartbeat, un’organizzazione umanitaria che si occupa di incentivare la collaborazione tra artisti israeliani e palestinesi attraverso la costruzione di spazi comuni.

Pearl Jam -Imagine - Cover
Pearl Jam -Imagine – Cover

“Imagine è la canzone più “potente” che sia mai stata scritta” – così la definisce Eddie Vedder – La canzone è stata proposta per la prima volta dal frontman dei PJ nel corso del live a Meco, Portogallo, per sedare le polemiche scaturite da un suo intervento durante un concerto in Inghilterra sul conflitto nella striscia di Gaza:

Là fuori c’è gente che cerca una ragione per uccidere, che cerca una ragione per oltrepassare i propri confini e appropriarsi di terre che non gli appartengono. Questa gente dovrebbe tornare indietro, e pensare solo ai fatti propri. Tutti vogliamo la stessa stramaledetta cosa: avere dei figli, mangiare, dipingere, creare arte, ascoltare musica, qualche volta fare l’amore […] Perché la gente fa la guerra? Fermate subito questa merda. Adesso. Non gli daremo più i nostri soldi, non vogliamo che le nostre tasse vengano usate perché loro sgancino bombe sui bambini. Basta!“.

Il suo intervento aveva scatenato le polemiche soprattutto di Israele e dei suoi sostenitori, così che lo stesso cantante aveva spiegato la sua posizione con un comunicato nel quale citava proprio “Imagine” – “You may say I’m a dreamer, but I’n not the only one” – concludendo poi – “Chiamatemi ingenuo, ma preferisco essere ingenuo e speranzoso che piuttosto che tacere per paura che le mie parola vengano interpretate male

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.