Dopo aver ottenuto in patria il disco di platino e recensioni eccellenti, tanto che il prestigioso “The Guardian”  ne ha parlato definendo la sua voce  “evocativa di Karen Carpenter“, Sarah Joyce, in arte Rumer, trentunenne cantante inglese di origine pakistana pubblica  oggi, anche in Italia “Season of my soul“, il suo album  d’esordio, uscito a Novembre 2010 nel Regno Unito.

L’album è stato anticipato in radio dai singoli “Slow” e “Aretha“: la sua è una voce pulita e lei  canta con gusto e senza urlare. Nei suoi pezzi non c’è posto  per ostentati virtuosismi e date tutte queste qualità non è un caso che il grande Burt Bacharach, sia rimasto stregato dalla sua voce, tanto da volerla sentire dal vivo cantare per lui in  California, e dopo l’incontro Rumer ha ammesso: “Ho pianto di gioia“.

Supportata da Roger Daltrey, Jools Holland, Elton John ha debuttato tra gli apprezzamenti  con il suo Season of my soul” che fa oggi ingresso anche nel mercato italiano su etichetta Atlantic/Warner Music.

 

Rispondi