Se vi capita di leggere insieme nel giro di poche righe Quentin Tarantino, The Black Keys, RZA vuol dire che qualcosa di epico sta per succedere, e magari facendo ordine tra i vari nomi capirete anche cosa hanno combinato. I The Black Keys hanno collaborato con RZA per la colonna sonora di un film prodotto da Quentin Tarantino dalla regia di Eli Roth, in uscita negli Stati Uniti per il 2 novembre, dal titolo “The Man With The Iron Fists”. Se a tutti questi elementi aggiungete un cast formato da Russel Crowe, Lucy Liu e il wrestler Dave Batista allora avrete ottenuto un momentone epico degno di nota, e degno anche di una grande colonna sonora.

Alla soundtrack del film hanno collaborato grandi personalità provenienti dalla musica hip-hop, r’n’b, rap del calibro di Kanye West, Method Man, Pusha T., e molti altri. I The Black Keys non sono nuovi a questi incroci nell’ambiente “black”, infatti con il collettivo Rap  Wu Tang Clan, del quale RZA è leader, hanno già collaborato in un lavoro dal titolo “Blakrock, anche questo dalle dimensioni musicali epiche. Tralasciando tutta la storia e l’epica, il video del singolo “The Baddest Man Alive” è apparso in rete, e come tutti i video dove Patrick Carney e Dan Auerbach ultimamente prendono parte, sembra essere davvero una degna anteprima del film.

The Black Keys
The Black Keys | © Karl Walter/Getty Images

Il videoclip vede protagonisti il famosissimo duo alternative rock e RZA che se la suonano a colpi di cibo e portate dal sapore orientale, finendo in una fintissima rissa e cacciati fuori dal proprietario del ristorante dove si trovano.
Pat e Dan ormai sono calati perfettamente nella parte di quelli che fanno gruppo con RZA, l’unione del bianco e nero, del rap e del Rhythm’N’Blues non può essere altro che un successo.

Da un po’ di tempo a questa parte i The Black Keys sembrano essere i Re Mida della musica, sono sempre nel posto giusto al momento giusto e sembrano cavalcare l’onda con atteggiamento da grandi professionisti, insomma trasformano in oro tutto quello che suonano. Questo genere ibrido ci piace davvero tanto, e speriamo approdino ancora molte volte nella “casa del Rap”.  Se i Black Keys sono soliti costruire una storia dietro ogni pezzo, in quest’occasione sembrano averci fatto addirittura un film.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.